Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

mercoledì 26 agosto 2015

E chi c***o siamo?

Che poi il problema di gestione dell’<io sono> è la ‘responsabilità che dovrebbe derivarne... Insomma un <io sono> serio è impegnativo e ingombrante!

Ma poi davvero, chi cazzo sei, sono, siamo?

19 commenti:

  1. Ciao..prima di tutto una donna con il cervello di ventenne dentro un corpo di 69..poi sono una nonna super..se non l 'hai capito ..sono un essere speciale già solo per questo...buonagiornata Rocco

    RispondiElimina
  2. Chi sono? Da dove vengo?Perché sono qui? Diciamo che tanti dovrebbero farsi queste domande, mettendosi in discussione e cercando di dare un senso propositivo ai propri atteggiamenti verso gli altri e verso se stessi . Non sempre è facile ma il segreto sta nel bilanciare un sano egoismo ed un sano altruismo . Comunque piacere io sono Franca, sensibile testona permalosa con una spiccata predisposizione al romanticismo e un po' insicura e tu Rocco?

    RispondiElimina
  3. La frase fatta ,viene usata da persone che non trovano giustificazioni ad atti che non possono avere giustificazioni , cercando in essa il loro "io"inesistente .Invece il "chi sono ,chi siamo "e'molto piu'impegnativo .Sono ,siamo quello che la vita ci ha riservato ,sono ,siamo quello che abbiamo imparato dalle gioie e dai dolori .Sono ,siamo il senso che ogni giorno diamo a questo gioco prezioso che e'la vita .Teresa ....

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Mi fai venire in mente una mitica frase di totò che diceva: Io ho carta bianca.... e si pulisca...... Tipica frase arrogante di quando uno è alle strette

      Elimina
  5. Nedy Rovarotto26 agosto 2015 16:02

    Bella domanda Rocco...in prima battuta mi vien da dire che, forse, è anche molto importante chi sentiamo di essere, "dove"ci collochiamo e "come". Da qui cambiamo prospettiva e vediamo chi siamo veramente, per noi e per gli altri. Siamo e non siamo forse, perché è impossibile etichettarci, siamo in evoluzione, siamo in cammino, siamo tutti uguali e tutti diversi, siamo talmente sfaccettati che ognuno coglie dell'altro l'aspetto che vede meglio e prima, ognuno con il suo metro per misurare.
    E poi c'è quel "io sono" che dici tu: uno di supponenza e l'altro di responsabilità, molti nella schiera dei supponenti, pochi nella seconda ma ne ho conosciuti e sempre con la conferma di trovare i più competenti, capaci e intelligenti tra le fila dei semplici e responsabili.Chiudo e ti saluto con Pedro Almodovar:
    La vera autenticità non sta nell'essere come si è, ma nel riuscire a somigliare il più possibile al sogno che si ha di se stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace! dalla prima all'ultima riga, Pedro incluso

      Elimina
  6. Del “lei non sa chi sono io” posso solo dire che sia una frase fatta usata e strausata, purtroppo, da quelle persone che abusano della loro posizione sociale per intimorire chi si scontra con loro.
    Persone puerili, vanno compatiti perché non sanno di essere anche loro solo esseri umani, come lo siamo tutti, con i propri pregi e difetti .
    Chi ca***o sono, siamo?
    “Inizio appena a conoscermi “, disse un vecchietto centenario. Non si vive mai abbastanza per conoscersi e sapere chi veramente siamo e perché siamo. La parola essere umano indica innanzi tutto il verbo: “essere” in cui è racchiuso il mistero della vita, una sola parola in cui ci stiamo tutti. Essere = vita…
    So di essere un essere che vive questa vita senza pretese, con la consapevolezza e l’umiltà di accettarmi e accettare gli altri per come sono. So di non conoscermi e sapere abbastanza poiché sono ancora in vita.
    “ Gli esami non finiscono mai” ci racconta Eduardo nella sua commedia… ed è vero!
    Alla prossima Rocco.

    RispondiElimina
  7. " Sono tante maschere su un solo volto che si alternano nel teatro della vita"

    RispondiElimina
  8. Chi sono? BUUUUU!!!!

    RispondiElimina
  9. Chi sono? Una donna. Conscia di essere tale. Cosa voglio? Tutto e niente. Da dove vengo? Dall'isola che non c'è. Dove vado? Non lo so.....

    RispondiElimina
  10. le tre grandi domande della filosofia: 'ma tu chi sei? da dove vieni? e, soprattutto, quando tene vai?'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nicola qualche volta si aggiunge pure chi cazzo ti ha mandato...
      ma noi gentilmente filosofeggiamo solo sul chi sei ;)

      Elimina
  11. Non lo sappiamo, perchè cambiamo

    RispondiElimina