Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

sabato 3 ottobre 2015

Cose primordiali

Avere fame di cose naturali, primordiali…
A me piace all’ennesima potenza questo concetto espresso con la grandezza ruvida e bellissima di Alda Merini, così naturale, così primordiale.
E’ un brivido dentro.
La fame, non l’appetito, quello è signorile, evoluto, razionale. La fame. Che in fondo di questo, abbiamo voglia e bisogno, di cose primordiali.

Cazzo, la poesia della vita.

8 commenti:

  1. La fame dell'emozioni della vita la fame dello spirito la fame della mente e poi anche la fame de panza

    RispondiElimina
  2. Ho un amore lontano e con cui comunico in una lingua che non è né mia nè sua. Le paure stupide e le frustrazioni le abbiamo lasciate fuori. Come puoi spiegare certi pensieri, certi dubbi... in una lingua che non maneggi bene come quella natale? Mi sono trovata a scartare le bucce e i gusci (intraducibili) di sentimenti che proteggevo senza motivo e da tempo, e ogni volta traduco solo l'essenza, che poi è quello che sono veramente. Sta funzionando, non so se ai fini della storia, ma sta funzionando per me che imparo a buttare il superfluo e a tornare primordiale.
    Ciao Rocco, arrivi sempre al momento giusto. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. La fame e' istinti, l' appetito e' ragione

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. nedy rovarotto3 ottobre 2015 18:02

    Fantastica Alda Merini, deve avere avuto dentro un mondo esplosivo, come quello di Van Gogh. La civiltà, l'educazione, le formalità, le buone maniere, il conformismo soprattutto ci stanno allontanando sempre di più da quella nostra natura animale, dall' is tinto che, a volte, per fortuna, fanno ancora un timido capolino... perché la fame e la sete di vivere ribollono dentro e creano una miscela di bisogni che non si saziano solo di regole, vanno un pochino oltre.

    RispondiElimina
  6. Proprio qualche giorno fa intravidi, casualmente, sulla bacheca di una mia amica questo post "Come ti descriveresti in due parole? Ho fame" bè, io non l'ho messa sul filosofico, e neanche la mia amica… ihihihih poi ho visto questo tuo post e… c'è stata una nuova occasione per pensarci su. Ricordo perfettamente quando fino a qualche tempo fa uscivo a cena con lei, c'era la voglia di mangiare, ma non solo; davanti ad una pizza ci si diceva ogni cosa, ogni pensiero, ogni curiosità o pettegolezzo, e la fame veniva soddisfatta sia fisicamente che mentalmente. La Merini parla dell'amore come può esserci qualsiasi altro sentimento o altra cosa di cui avere sempre fame. Dell'amore, personalmente, della voglia di scoprirsi, di scambiarsi pensieri, affetto, ce n'è sempre e ci sarà sempre. L'amore, come ogni altro buon sentimento va sempre carburato, energizzato e chi più ne ha più ne metta. Diciamo che abbiamo bisogno di mangiare, sempre, che sia cibo, che sia sentimento. Buona serata!

    RispondiElimina
  7. Io mi sono commossa nel leggere questi versi, e sulla mia pelle ho comprovato di quanto davvero l'amore ti possa far sentire protetta e possa far da scudo agli eventi duri ! Io mi accontento di questo...poche cose ma vere, di quelle che ti scaldano il cuore, ti fanno brillare gli occhi e pensare che tutto è possibile e risolvibile!

    RispondiElimina
  8. Non ho fame perche' mangio continuamente quello che voglio...ma gradisco volentieri..un bel piatto di questi concetti..

    RispondiElimina