Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

giovedì 1 ottobre 2015

Godiamocela

Molto rasserenante. Ci ridimensiona e riporta tutto nelle giuste misure…
Che poi sono proprio i migliori spettacoli a non appartenere a nessuno e a essere di tutti. Oltre a essere una verità è un’enorme fortuna, cazzo, una realtà che dovrebbe metterci al riparo da egoismi smodati, arroganze incontrollate, smanie incontenibili…
Lo so, purtroppo il mondo viaggia spesso senza questa preziosa semplicità ma questo non giustifica non fermarsi ogni tanto a pensarci invece.
Sticazzi, direte, non vuole fare filosofia e poi la fa. No no, non voglio affatto. E’ un esercizio di memoria, una piccola prova di vita consapevole e il più possibile serena. Non è rilassante godersi la vista di qualcosa di magnifico che non si compra, non si vende, non ha prezzo, non è recintata?

16 commenti:

  1. Me gustas! Ruggiero

    RispondiElimina
  2. Quante volte però, Rocco, per godere della "natura" ci rifugiamo in posti che della natura hanno fatto scempio trasformandola in merce da far pagare a caro prezzo. Ecco forse anche qui dovremmo cominciare ad esser più responsabili, accontentandoci di una passeggiata nei boschi, di un tramonto urbano, di un uccello posato sul davanzale della nostra finestra, della pioggia che lava le strade. Sticazzi.

    RispondiElimina
  3. hai ragione non c'è di meglio che assistere a ciò che la natura ci regala

    RispondiElimina
  4. Ora ho capito perché ho la mania di fotografare i miei figli di spalle mentre osservano il mare, ho insegnato loro la bellezza di camminare a piedi nudi sui prati in montagna....il contatto con la natura ci fa riappropriare della nostra identità , ci fa capire quanto siamo fortunati ad essere piccola parte di questa meravigliosa natura e di quanto sia perciò importante rispettarla e rispettarsi. Dovremmo più spesso spegnere tv , tablet, cellulari e guardare ciò che abbiamo tutti i giorni tutte le notti poco più in là del nostro naso . Gratis, tutto per noi!

    RispondiElimina
  5. Rocco sei uno di quegli attori che non recitano, ma diventano quel personaggio. Ti ammiro per i film che fai e ti ammiro, soprattutto, come persona, mai una virgola fuori posto, poi magari mi sbaglio... Un giorno spero almeno di poterti vedere dal vivo :D Beh ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O forse tutte le virgole fuori posto...il che ha comunque una sua 'armonia'...

      Elimina
  6. La vista dello spettacolo della natura ci fa capire quanto siamo tutti ricchi anche senza possedere; e spesso chi possiede troppo senza godere di queste bellezze (magari anche distruggendole), non capisce purtroppo quanto in realtà è povero. P.S.: Scusate la "filosofia" :)

    RispondiElimina
  7. Molto rilassante se, cammini al mattino presto guardando il cielo ,anziche'l'asfalto,se ad un semaforo ti gusti la cornice delle montagne .Se d'estate verso sera,mentri lavori riesci a farti venire i brividi ascoltando il concerto degli uccelli che si posano sull'albero di magnolia.La natura ci regala emozioni e colori ,siamo noi che dobbiamo imparare a meravigliarci come facevamo da bambini .Ciao Rocco Teresa

    RispondiElimina
  8. nedy rovarotto1 ottobre 2015 18:21

    Da vecchio mio padre si alzava sempre all'alba e quando ci vedevamo mi diceva che assisteva ogni mattina a spettacoli meravigliosi, gratuiti e forse per questo nessuno si alzava per vederli. Io l'ho fatto una volta sola, il cielo è bello anche più tardi, per tutta la giornata, fino al tramonto e con qualsiasi tempo.Alzo spesso gli occhi al cielo perchè è bello, con le sue nuvole sempre imperfette come dice Fernando Pessoa, ti fa sentire piccolo piccolo ma ti da anche la sensazione di fare parte di un tutto che si spera abbia un significato, un senso, un prosieguo...perchè no?
    Quando ero ragazza si parlava con le amiche, si raccontava..."Ho conosciuto uno, si chiama Pinco Pallo, ha due occhi meravigliosi...un sorriso accattivante...", una invece li descriveva in base alla macchina posseduta...allo status sociale... che squallore no?
    Ognuno ha la sua scala di valori, per me la loro scricchiola, per loro la mia sarà una scala a chiocciola scomoda e stretta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però è bella, la scala a chiocciola scomoda e stretta ;)

      Elimina
  9. Hai perfettamente ragione!!!!Ma siamo tutti troppo di corsa per apprezzare queste cose.

    RispondiElimina
  10. Lo sai cos'è? È che qualsiasi paesaggio, orizzonte, persona ci può emozionare, Rocco! Basta seguire un po' l'istinto, a volte, ripulirsi di tutto e andare, oltre a qualsiasi barriera. L'emozione può partire da un fruscio, un odore familiare, una veduta diversa, mai vista. Come dici, tutto ciò non ha prezzo, le sensazioni non si pagano, l'emozione non si paga, non si vende, non ha ostacoli. E allora? Cosa ci blocca? Cosa ci ostacola? Mi chiedo! Ci ostacola il troppo parlare, il troppo vociferare, il troppo pensare (negativamente). Bisogna essere più free… Rocco! In bocca al lupo per il festival… :-*

    RispondiElimina