Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

martedì 19 aprile 2016

...E sticazzi

Ci sono gioie e dolori, pianti e risate. Ci sono infinite sfumature di emozioni. Ci sono il dritto e il rovescio di ogni cosa e gli opposti, messi lì per esaltare con l’uno l’altro. Di questo siamo fatti, di un’amalgama di sensazioni e sentimenti, di attimi diversi, di stati d’animo che si alternano o si confondono.
Mi piace pensare sempre che il senso di qualcosa sia anche nel suo contrario, in quello che possiamo capire o provare solo avendo nel bagaglio sofferenza e felicità insieme.
Che poi forse tanto nell’una che nell’altra andiamo cogliendo il risvolto allegro o malinconico.

E sticazzi…lo aggiungo perché male non fa.

5 commenti:

  1. Nulla accade per caso. Oggi per la prima volta arrivo in questo blog e leggo. Oggi, 5 anni fa, mio padre volava via. Sofferenza e significato nel contrario della parola "morte".
    Grazie. Cecilia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Cecilia per la visita.
      Buona vita

      Elimina
    2. Ritorno per dirti che ho visto quel piccolo gioiello "Onda su onda", un film da riguardare quando le asprezze prendono il sopravvento. Un respiro grande che sa di mare. Un altro grazie a te, non ti conosco ma forse sì. Cecilia

      Elimina
  2. nedy rovarotto20 aprile 2016 16:08

    Vero, ci sono sempre un risvolto allegro nella malinconia e un risvolto malinconico nell'allegria, rappresentano forse la completezza, il coperchio della scatola.
    L'importante, credo, sia non provarli intensamente in contemporanea. Mi viene in mente mio padre che ogni tanto canticchiava ' Son contento di morire ma mi dispiace', mi viene in mente il mio stato d'animo quando torno a casa da Albenga perché per certi versi sono contenta, per altri mi rincresce. Mi viene in mente Neruda ' Saprai che non t'amo e che t'amo perché la vita è in due maniere, la parola è un'ala del silenzio, il fuoco ha una metà di freddo.. '. Mi vengono in mente Catullo e Quasimodo ' Odio e amo. Tu forse mi chiedi come mai è possibile. Non so; ma sento ch'è così, e soffro'.
    Sticazzi! Penso che queste alternanze siano la nostra gioia e il nostro soffrire ma penso anche che tutto sommato sia proprio questo il bello e che peggio di tutto sia invece l'indifferenza...;)

    RispondiElimina