Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

martedì 29 marzo 2016

Una musica in testa

Festina lente tradotto dal latino ‘affrettati lentamente’ ha in sé un pensiero e una melodia. 
Senza indugiare troppo e senza correre. Il passo ‘giusto’, a ritmo di musica, mi suggerisce sempre l’idea della danza con i tempi della natura, del momento, dell’umore, della situazione. 
Assorbire e trasmettere armonia…

E mi piace moltissimo la riflessione di Italo Calvino sull’inattesa armonia. 
Il rebus, i contrasti e gli incastri, la sorpresa. 
Cammino, parlo, mi muovo: con una musica in testa.

2 commenti:

  1. nedy rovarotto29 marzo 2016 20:37

    Anche io amo accostamenti improbabili, troppo facile creare armonia e compatibilità con quello che è scontato, facile, semplice ma un po' insapore e riduttivo, l'inattesa armonia invece è viva, è creata sul momento ma soprattutto ' dal' momento e allora diventa espressione di uno stato d'animo, di un pensiero o, come dici tu, di una musica in testa.

    RispondiElimina
  2. La musica che serve per alleggerire passi e pensieri, quella che ti fa viaggiare un po' più in alto e mormorare a bocca chiusa.
    Oggi la musica che gira in testa ha il nome di Gianmaria Testa, andato via troppo presto, in sordina come sua abitudine, con la sua musica garbata e profonda.
    Grazia

    RispondiElimina