Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

martedì 2 febbraio 2016

Cose che non fanno male

Noooo, non è un invito a dirle. Così, è una candida domanda-riflessione.
Su, per ammorbidire gli animi…Che poi, davvero, come cazzo è possibile non vi scappi mai un vaffa, liberatorio o gioioso? Questione di naturalezza. E pure un po’ di misura: sdrammatizzare quello che proprio dramma non è e dare rilievo a quello che conta di più, ecco.Un cazzo non ha mai fatto male a nessuno. Lo so, espresso così è equivocabile ma voi non equivocate o giocateci come vi pare, con l’equivoco. In relax!

7 commenti:

  1. Roccooooooooooooo, ho equivocato, lo confesso!!! :p !!! Io, le parolacce, le dico in napoletano!! Che bella cosa, specialmente quando fanno ridere . Acciderbolina!!! Senti come rafforza! Sticazzi! :-))))) a proposito..... ieri ho richiesto in videochat la focaaaa !! Mia figlia mi assillava sai com'è. . Non avete letto, ecchecazzo!!!! :-p ciauuuu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nooooooooooooooooo non fa niente. figurati. sono e sarò sempre una tua inguaribile fan!!! :-*******

      Elimina
  2. Non amo le parolacce, alle medie quando si stava tutti in compagnia avevo timidamente messo un veto: in mia presenza niente parolacce. Gia' da piccola mi smontavano se usate come intercalare, ancora oggi nonostante lo stato avanzato di maturità (!!!!!) mi disturba quando all'uscita da scuola di mia figlia che fa le medie sento ragazzini che tra una parolaccia e l'altra si parlano, si salutano....e penso :caxxo bisogna pur metterci un po' di poesia nel dirle ....usandole con il contagocce, nei momenti giusti con le persone giuste o in piena solitudine per dar enfasi ad una gioia, ad un'arrabbiatura. Ecco mia figlia non le dice ma poi sorrido perché forse quando la stresso con l'importanza dell'impegno, della costanza nello studio forse ecco forse un bel "caxxo che palle" lo penserà pure...

    RispondiElimina
  3. nedy rovarotto2 febbraio 2016 20:52

    Che un c---o non abbia mai fatto male a nessuno ne dubito, chiedilo a una mia amica che è rimasta incinta a quindici anni!!! Un giorno le ho detto che, certo, rimanere incinta a quell'età deve essere stata dura, si è messa a ridere (è quella salutista dei caffè/pipì) e mi ha risposto:" Ma tu non sai che mi era già andata bene a quattordici!"
    Sicuramente un bel c---o detto al momento giusto rafforza sia i concetti che i sentimenti. Non sempre si può dire però ma già il solo pensarlo, pronunciarlo con la mente, scandirlo proprio, lentamente, non con la bocca ma con la sola forza dell'intelletto, aiuta, è di conforto, solleva lo spirito e alleggerisce un po', quel tanto che basta a trovare ancora un pochino di pazienza...e poi...quando si è finalmente soli, appoggiarsi al muro, a una porta, a un sostegno qualsiasi e dire ad alta voce:" E che cazzo!!!Baaastaaa!!!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, il risvolto pratico ;) in effetti, appunto, rafforza tutto.

      Sembra una scena fantozziana, aspettare il momento per esplodere! Io alle volte non aspetto, vado più d'istinto ;)

      Elimina