Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

mercoledì 7 ottobre 2015

Almeno qualche volta penso...


Il ‘genio’ è uno che osa mettere in dubbio qualcosa, scoprire un’alternativa, provare un nuovo percorso. E’ uno che non si fa fottere dalla paura. O che forse ha più paura di morire di noia che di immaginazione, applicazione, curiosità. 
Uno che usa il cervello che ha in dotazione.
Ma anche senza essere geni si può pensare. Free. Cazzo, i pensieri differenti sono libertà, bellezza, ricchezza.

Allora almeno qualche volta penso...dovremmo essere meno insofferenti verso il pensiero altrui, no?

10 commenti:

  1. penso in questi giorni che il vero oggetto di consumo nel sistema consumistico,sia il consumatore.gli oggetti ci consumano la vita.desiderarli,comprarli e poi buttarli,aggiornarli o rateizzarli ci consuma come candele...e la vita è bella che finita.Avendo arricchito chi l'ha pensata questa bella pensata.ciao Massimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si questo è un bell'affondo, Massimo...

      Elimina
    2. ho ritrovato con una certa commozione il trapano a mano di mio nonno fabbro.Avrà cento anni o di più.L'ho oliato,tolto la ruggine e funziona a meraviglia.Oggi gli oggetti più funzionali e resistenti durano un paio di anni.ho vecchi telefonini,vecchi computer quelli si archeologici molto più del trapano di mio nonno.ciao,Massimo.

      Elimina
  2. ho scritto e non si vede niente.boh!

    RispondiElimina
  3. nedy rovarotto7 ottobre 2015 18:32

    Il genio è proprio uno che esce dal seminato, che ha il coraggio di provare il nuovo, il diverso ma anche tutta una serie di competenze e un'intelligenza brillante e vivace altrimenti sarebbe solo un deviante, senza valore.
    Se non si trascende proprio io non ho insofferenza per i pensieri altrui, sono da sempre un'accanita sostenitrice della libertà perché la voglio e la concedo, a chiunque. La libertà è un bene fondamentale, se non mi dici cosa pensi veramente come possiamo confrontarci, dialogare, anche discutere perché no, forse uno dei due cambierà idea oppure potremo rimanere entrambi ancorati alle nostre convinzioni e cosa c'è di male?
    Oltretutto il confronto ti arricchisce, impari a vedere le cose anche da un'altra prospettiva, a volte ti illumina, aggiunge conoscenze, informazioni, possibilità. .Ciao Rocco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. saggissima, Nedy...che poi è tutto spirito positivo, no?

      Elimina
  4. “Quando pensiamo tutti allo stesso modo
    significa che non pensiamo molto”

    Albert Einstein

    Ciò che in questo pensiero afferma Einstein è vero, a volte ci si ferma alla prima impressione o colpo d’occhio, per dare il proprio punto di vista, si riflette poco sulle possibilità che possono scaturire da un approfondimento o ricerca che il pensiero può stabilire. Chi più di lui, in quanto scienziato, se non avesse approfondito, se non si fosse confrontato e scontrato coi dubbi e le incertezze che i suoi pensieri hanno coltivato e approfondito permettendogli di dubitare anche delle teorie già affermate, catalogate, adottate da tutti gli uomini di scienza e che lui ha messo in dubbio per far valere la sua teoria contrastata da molti fin quando non sia riuscito a provarne il contrario.
    Pensare, vero Rocco, non costa niente e se si va in profondità di sicuro non si annega, anzi, si trova l’ossigeno della sopravvivenza, lo slancio per mettersi alla prova e farsi strada in una jungla di idee lasciate troppe volte vegetare senza farle fiorire.

    Grazie Rocco, ciao e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensare, vero Rocco, non costa niente e se si va in profondità di sicuro non si annega, anzi, si trova l’ossigeno della sopravvivenza, lo slancio per mettersi alla prova e farsi strada in una jungla di idee lasciate troppe volte vegetare senza farle fiorire.
      Ecco, hai scritto tutto! Ciao Anna :)

      Elimina
  5. Il problema secondo me più "importante" nelle società occidentali moderne, l'essere conformizzati ad un sistema generalizzante che ci vuole tutti uguali,e consumatori, che quindi io credo ci instupidisca....
    Pensare è vivere direi io, non lasciamoci uccidere da chi non conosciamo.
    Al solito, buona giornata e buon lavoro Sig. Rocco.

    RispondiElimina
  6. Ogni essere vivente è meravigliosamente diverso. Questo è un patrimonio enorme dell'umanità intera. La diversità ci arricchisce. Uguaglianza non è rendere tutti uguali: sarebbe l'appiattimento. Uguaglianza è, invece, fornire a tutti pari opportunità per accrescere e sviluppare le proprie diversità.
    Con il Gruppo Artistico Culturale Indipendente IL CIELO CAPOVOLTO, proprio in questo periodo, abbiamo attivo un concorso letterario su questo tema IL RACCONTO: diversamente UGUALI.
    http://ilracconto.ilcielocapovolto.info/bando-del-concorso-letterario-nazionale-il-racconto/

    RispondiElimina