Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

domenica 27 settembre 2015

Il solletico

Non mi piace semplificare. E tanto meno spargere retorica di ottimismo ad oltranza. Non mi sembra però questo, il caso…Leggo l’invito con ironia e buon senso. Pure con un po’ di coraggio e di determinazione. Che insomma ci dobbiamo provare, a conquistarci qualche motivo per farla sorridere. A fargli il solletico, a questa cazzo di vita che non è mica sempre bella, facile e leggera.

Che non è una ricetta di serenità, sia chiaro. Così, è un pensiero, diciamo. Tra me e me, tra me e voi.

17 commenti:

  1. che è comunque "più meglio assai" che aspettare che la Manna scenda dal cielo

    RispondiElimina
  2. Condivido Rocco il tuo pensiero, sorridere trovando un filo di allegria nella trama di un capitolo difficile della nostra Vita è la miglior medicina per trovare quell'ottimismo necessario per svoltare pagina con serenità . Non sempre è facile, richiede impegno ma ne vale certamente la pena anche perché la vita è una sola. Senza diritto di rewind e replica.

    RispondiElimina
  3. A parte il vizio comune, lamentarsi della vita che si conduce ovviamente, secondo me dietro questa forse banale affermazione c'è un piccolo segreto: il lato poco piacevole delle cose nasconde sicuramente un risvolto, uguale ma contrario come direbbe un fisico, altrettanto soddisfacente e riuscire in questa operazione di riscoprirlo può dare a tutti delle grosse soddisfazioni....
    Al solito buona giornata e buon lavoro Maestro.

    RispondiElimina
  4. Rocco,che dirti. Manco a farlo apposta prima di guardare tale e quale ti ho scritto che la parola leggera o detta comunemente parolaccia è sacra, allevia, distende la tensione e ci toglie la compostezza che spesso da fastidio. Poi è successo quel che è successo (e io ridevo come una matta). Ho letto che ci sono state delle polemiche e ho capito.. che serve, urge un po' di distensione. Urge il solletico. Se viene fatto da Rocco Papaleo è meglio ma , arrangiamoci. Bisogna saper ridere e accettare le provocazioni per essere felici. Proviamoci! Ti mando un saluto e , siccome non mi voglio fare i cazzi miei... potevi dare qualche punto in più a Francesco Cicchella!! Hahaah ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che farle il solletico e' anche darsi da fare, reagire, osare...

      Comunque...ciao Danie'

      Elimina
  5. Una signora un giorno mi disse che tutti, nella nostra vita, dobbiamo ricevere la stessa dose di palettate di letame ( veramente disse 'merda'), qualcuno un po' per volta, altri tutta insieme...A volte ho l'impressione che m'abbiano rovesciato in testa tutto il mio enorme contenitore e anche gli avanzi di qualcun altro ma ho imparato a destreggiarmi, a muovermi con cautela per non restare impantanata come nelle sabbie mobili. È l'adattamento che bisogna trovare, l'accomodamento alle nuove situazioni, per perché anche se non vorremmo le cose intorno a noi cambiano, spesso si capovolgono addirittura...Potrei crogiolarmi nella disperazione ma non ne ho il coraggio ( le concedo poche apparizioni)e preferisco ricordare con piacere i bei momenti, preferisco passare qualche ora con gli amici e dare e ricevere buonumore. Per esempio ogni mercoledì mattina mi trovo con delle amiche al bar, davanti alle nostre tazzine di caffè chi ce l'ha tira fuori il suo problema della settimana: discussione, dibattito, consigli, consolazioni...risate...è terapeutico, ci fa bene, ci solleva, ci aiuta, un po' come questo tuo blog...mi piace...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e vi ci vedo davanti al caffè!!! Potreste pure invitare :))))

      Elimina
    2. Saresti il benvenuto!!!Il parere di un uomo è sempre interessante, il tuo poi sarebbe meravigliosamente interessante. Se vieni a Torino avvisa, sai che shock per tutti?Anche per te!!!:)))

      Elimina
  6. Sai che quando ti leggo mi sembra di sentire la tua voce?Sto leggendo Cristo si è fermato ad Eboli,lettura ispirata da te e da un collega innamorato di questo libro...La vita ,vorrei lo facesse lei a me il solletico.Io sto periodo al massimo le farei le boccacce o certi giorni la piglierei a calci in cu...o anche una pernacchia (mi ispira il grande Eduardo ) .Rocco un'info il teatro di TBM non è chiuso : ) . Anche oggi mi hai regalato 10 minuti di libertà mentale.Grazie.Giulia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questione di ritmo, parlo e scrivo con lo stesso, Giulia

      Elimina
  7. mi piace l'idea di solleticare la vita,invece di aspettare gli eventi passivamente.Ciao,Ruggiero.

    RispondiElimina
  8. Quasi sempre non bella caro Rocco.

    RispondiElimina
  9. Rocco il mio commento va alla frase impostata ! Al comico basta uno spunto per far ridere e divulgare benessere e questo me lo hai insegnato tu a me ! Se mi metto a leggere l'articolo o il tuo blog , la battuta sfuma ! Ti Saluto !

    RispondiElimina
  10. E allora questa sera le farò un sacco di solletico perché vedrò "Un Boss in salotto" .. e ti assicuro che quando la vita non mi sorride ma, anzi, mi fa lo sgambetto, un film o una battuta aiutano più di ogni altra cosa!
    Veronica

    RispondiElimina