Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

lunedì 17 agosto 2015

Il progresso

Tutto è relativo mi pare, progresso incluso. D’altra parte tutto torna, anche le posizioni. Chissà, forse possiamo pensare che evolversi sia anche recuperare il contatto perduto con la natura essenziale, pure con l’anima un po’ animale… quella vera.

Cazzo nessuna filosofia, però troppe cose e troppe sovrastrutture mentali non sono benessere e libertà. Anzi. E comunque la vignetta può strappare un sorriso, un mix di ironia e malinconia.  

23 commenti:

  1. Nedy Rovarotto17 agosto 2015 13:50

    Nella vignetta l'ultima posizione, molto simile a quella di partenza, suggerisce l'ipotesi di una involuzione, lenta e graduale o repentina?Chissà...Il progresso ci ha dato molto e ci ha tolto molto, non possiamo fermarlo; per fortuna abbiamo la capacità di adattamento o anche solo di accomodamento che ci darà una mano almeno per la sopravvivenza.Che tipo di sopravvivenza non sappiamo,che cosa rimarrà del nostro istinto animale (quello buono) non sappiamo...teniamoci dunque per mano e vigliaccamente facciamo nostro il pensiero di non so più chi: "Se non puoi sconfiggerli...alleati!!!"Ciao Rocco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che dici se cerchiamo almeno di sceglierceli, gli alleati ?!
      ciao Nedy :)

      Elimina
  2. Progresso tecnologico scoperte invenzioni abbondiamo di intellettuali di super laureati ecc ecc ma ciò nonostante il cuore l'anima di tanti giace nei meandri interiori dischi ha smarrito il vero senso e bellezza del dono della vita che vivono solo loro e noi poveri ultimi solo x condizione e non perché inferiori siamo un popolo di invisibili senza alcuna possibilità di poter gioire e vivere una vita con meno affanni e stenti. Vorrei poter postare con ilmionome ma non sono capace non ho molta dimestichezza ad usare il pc peccato manchi il profilo facebook per potersi presentare con nome e cognome non avrei motivo di restare nell'anonimato.un caro saluto'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un caro saluto a te e grazie della presenza, chiunque tu sia!

      Elimina
    2. Grazie a te mi chiamo Immacolata Scartata calabrese da Napoli sono su' facebook-

      Elimina
  3. Su tutto aleggia una vaga solitudine. Forse potremmo parafrasare: ognuno è solo sul cuor della terra, trafitto da un cavo di rete. Ed è subito offline.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cazzo Luciaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa ecco la nuova perla della settimana...presto sarai immortalata nella colonna di dx!!!

      Elimina
  4. Lo sai, pensandoci… stavo meglio senza smartphone! Sono stata una delle ultime tra i miei amici, parenti, colleghi (anche più datati di me) a comprarmene uno, credo… un paio d'anni fa. Prima solo col pc mi connettevo al mondo, ferma, appunto, in un punto specifico. Sto smartphone, questi giochini malefici, notifiche continue, sono il contatto con il mondo all'ennesima potenza, all'ennesimo squilletto… dove stai, stai. Poi, mi ricordo, che quando ero piccola e un po’ più grandicella, le foto, si facevano solo in occasioni speciali (mio padre si faceva prestare la macchina fotografica perché la nostra non funzionava). Ora, si fotografa TUTTO!!! Il piatto che si sta per mangiare, l'uscita, l'unghia incarnita… pazzesco! Nel raduno famigliare che abbiamo fatto a ferragosto, in una tavolata erano seduti una decina di ragazzi dai 14 ai 17 anni, ficcati con la testa sugli smartphone di ultima generazione intenti a digitare chissà cosa e farsi selfie senza degnare nessuno di uno sguardo(se non incazzato). Ciò, mi ha messo una tristezza immane. Infatti, non credevo che si arrivasse al punto di compromettere i rapporti con il prossimo; di dirsi le cose solo virtualmente; di rivelare i propri sentimenti con faccine e cuoricini. Poi, ho pensato alle mie figlie, in particolare alla grande, che fra 4/5 sarà anche lei un'adolescente, avrà la stessa faccia incazzata (????), uno smartphone che le farà anche il caffè e ragazzini che la corteggeranno su whatsapp (tremo :-ooo)… bah! Io provo a farla leggere, studiare, mantenere un senso del dovere, seguire qualche passione divertendosi, forse, riuscirò a tenerla lontana da ciò che non è realmente realtà, o, per lo meno, a farle capire cosa è giusto o sbagliato in questa tecnologia. Una mia amica, che aveva lo smartphone, facebook ecc. è incinta all'ultimissimo mese, improvvisamente, non l'ho sentita più, panico! Sarà successo qualcosa… il bambino? Ho pensato di tutto. Poi, tramite terzi mi ha fatto mandare un messaggio su fb dove mi dava il suo nuovo numero e dicendomi che non ha più facebook al momento. La chiamo. Bè, il marito, vedendola sempre con sto aggeggio in mano l'aveva minacciata bonariamente "o ti levi sto fb, cell da mano o me ne vado" e così ha fatto, ha cambiato cell, numero , tutto e ora sta senza fb. Quando l'ho rivista mi ha detto (ora sto meglio)… ahahahhah mi sa tanto da analisi questa mania!!! ..... ;-) ciao


    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono grato, alla tecnologia. Mi consente questo contatto con voi, ad esempio. E non è certo poco.
      Credo solo nella misura, ecco tutto. La realtà non può essere virtuale, insomma.
      Bisogna usare i mezzi e non essere usati, direi ;)
      sono buono, faccio quasi zero selfie e non vi inondo di foto dei piatti che mangio o dei miei piedi :)))))))))))

      Elimina
    2. Infatti sono sempre più grata a te per le tue risposte.. infatti, anche la tecnologia ci è stata utile per taaaante cose ma questo tralasciare ciò che ci circonda mi spaventa.. lo dico da persona e da mamma ... tu sei buonissimooo... e paziente nel leggere sti "papielli" che ti scrivo! Scusami! :-))))

      Elimina
  5. Vero Rocco, tutto è relativo..ricordi sempre vividi... nel nostro vicolo il giocare a corda, a "campana", a "cioccoletti" con piste disegnate per terra con un pezzo di calcinacci a mo' di gesso, ai tanti girotondi; e al calar della sera , immancabilmente le voci delle mamme ,richiamo per il rientro a casa. La nostra frase prima di rientrare? : " Facciamo il gioco dell'uva?" Risposta: " Ognuno a casa Sua". Dolce malinconia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cerchiamo di fare un po' di equilibrismo tra ieri, oggi e domani...

      Elimina
  6. evolversi e creare...poi usare..poi sfruttare..consumare..per poi accorgersi che non avevamo bisogno di inventare niente.

    RispondiElimina
  7. Guardando la vignetta speriamo allora di tornare nuovamente in posizione eretta, fiera, forte di poter vedere oltre il proprio naso ...la curiosità costruttiva verso se stessi verso gli altri verso la vita ...ecco credo che a molti di noi manchi proprio questo, non trovi?

    RispondiElimina
  8. https://youtu.be/k9y8H7SyBAM

    Tanto per non usare luoghi comuni: Rocco se non ci fossi bisognerebbe inventari

    RispondiElimina
  9. “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”
    Panta rei (Eraclito)

    E, proprio come il fiume, il tempo non torna indietro, ma sui suoi passi sì, l'ora si ripete giorno dopo giorno come il giro che compiono le lancette sull'orologio è sempre lo stesso percorso, eppure segnano il tempo di un altro giorno. Tutto è tondo, circolare: la cellula col suo nucleo vitale, la terra, i pianeti, l'ellisse immaginaria dei pianeti intorno al sole, le stagioni con i suoi cicli, il ciclo delle fasi lunari... Tutto parte da un punto e finisce in quello stesso punto, per ricominciare da lì, subendo le trasformazioni del tempo che ogni volta, ritorna sui suoi passi sempre sotto nuove sembianze, lasciando del suo passaggio le impronte che ci hanno permesso di stabilire anche le ere...Tutto scorre…
    L’evoluzione della società non si può fermare, siamo andati avanti nel tempo e ogni volta l'essere umano è differente, e non solo l'essere umano. Negli ultimi 50 anni c’è stato uno sviluppo tale da paragonarsi a quello che per il passato ci sarebbero voluti duecento anni minimo per realizzalo. Possiamo dirci che siamo stati fortunati di aver visto in una vita lo sviluppo di duecento anni, è fantastico! Sta a noi di farne buon uso, ad esempio: non esagerare nel tralasciare la vita reale per quella virtuale. Bisogna, come per ogni cosa, dirsi che gli eccessi sono sempre negativi, come per tutto. Internet è una gran bella cosa, senza, oggi non staremmo qui a comunicare a migliaia di chilometri di distanza.
    Che bella la tecnologia! Ma non dimentichiamoci che tutto è nato dalla meravigliosa madre natura, dove ogni tecnologia ha preso esempio per svilupparsi.Grazie Rocco, ancora un tema che fa scorrere "inchiostro" :-) ciao!

    RispondiElimina
  10. Io mi sento un po' come il primo da sinistra

    RispondiElimina
  11. Cosa sono le sette posizioni di evoluzione/involuzione umana di fronte alle sessantaquattro posizioni del Kamasutra?

    RispondiElimina
  12. Avete visto il film :TRASCENDENCE?

    RispondiElimina