Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

mercoledì 20 maggio 2015

Confortare

Certo l’umorismo è una chiave, una leva, una via.
Ma il traguardo più che distrazione mi piace immaginarlo come conforto.

Poca cosa spesso, purtroppo. D’altra parte non è il mestiere di un uomo a poter mutare le sorti del mondo, regalare felicità, risolvere problemi. Ecco, ma mi auguro sempre possa rappresentare una sorta di piccolo conforto almeno.

16 commenti:

  1. Il conforto il confortare è la chiave di tutto,ti da la forza almeno di provarci anche se è tanto difficile,ti da quella spinta in più,sapere che cè qualcuno che ti sta accanto nelle difficoltà quando ormai sei sfiduciato è una cosa meravigliosa che purtroppo non tutti hanno,fortunato chi non si trovi da solo in certe situazioni,e il confortare non è facile non è da tutti perchè è una cosa che ti deve venire dal cuore e bisogna essere umili e di buon cuore,perchè e condividere momenti di intimità!!! Ciao Rocco :-) <3

    RispondiElimina
  2. Cazzo, ma lo sai che ti riesce benissimo! È da pochi mesi che ti seguo in questa tua veste di blogger con la consapevolezza che a rispondere e a dialogare non fossi sempre direttamente tu e capisco. Infatti, non ho mai preteso ciò perché immagino la mole di lavoro che possa avere un attore/regista e un aiuto è sempre lecito. Ho ritrovato una passione che avevo abbandonato da un po’, quella di scrivere liberamente, senza magari fingermi qualcos'altro, mettendo sul piatto me stessa. Sei stato una grande terapia per il mio humour. Ti ringrazio vivamente…. Mi sento più leggera, ci scherzo di più su tante cose. Il pensare poco, il non avere sovrastrutture mentali è un buon antidoto per lo spirito. A volte parlare, sfogarsi insieme ai propri pensieri con uno sconosciuto (o quasi), può essere un modo di non sentirsi sempre giudicati dalle persone che realmente ci conoscono (o quasi). Come attore mi sei sempre piaciuto… ho avuto modo di conoscerti con una serie che mi piaceva tantissimo "Cuore contro Cuore".. Ho visto tanti tuoi film però i tuoi rimangono i miei preferiti! Quello spirito leggero che la musica ti dà nel vostro percorso in Basilicata Coast to Coast… e in Una piccola impresa… con quel meraviglioso posto che poi verrà ristrutturato come verranno ristrutturati gli animi di quei superstiti della vita, a volte spesso dura con noi ma pur sempre salvabile… Eh già, sei molto confortante. Ma non è che fai veramente lo psicologo??! ;-)))) un abbraccio confortante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazio io te, Daniela. Personalmente (sottolineato).
      Perché cogli sempre lo spirito di tutto....forse è proprio questa, peraltro, la partenza. Quella giusta. Perché ristrutturare l'anima è sempre possibile! Cazzo, un sermone ;)
      Un abbraccio

      Elimina
    2. e rimanere sempre un faro spento/non perfetto! ;-) scusa il sermone... pensieri che vanno e vengono!

      Elimina
    3. Danielaaaaaaaaaaaaaaaa sono io che ti ho scritto il sermone, non tu!!! Ja, ristrutturare l'anima è sempre possibile pareva una benedizione :))))

      Elimina
  3. grazie per il conforto di queste parole :) E.

    RispondiElimina
  4. Certo, caro Rocco, che l' umorismo aiuta.
    è una chiave per leggere in maniera diversa quelle "stranezze" che ci accadono, un modo per sminuire quelle che ci sembrano grandi cose, quei pensieri che non ci lasciano dormire. Io adoro la comicità made in Italy : tu, Salemme, Izzo, Buccirosso, Brignano, Panariello, Rubini, con i vostri film e le parodie degli italiani e dei loro inciuci, non solo mi divertite e mi distraete, ma mi aiutate a sorridere dei miei ed altrui difetti, a pensare che non sono l' unica ad attirare la sfida, che c'è sempre di peggio. Rido, rido di gusto (a Treviso, dove abito, fui l'unica a ridere nel cinema quando, nel film di Zalone , dicesti che il limone sulle cozze non ci va! ), e tutto questo sì, conforta! Conforta il pensiero del lieto fine, che se anche non fosse quello che ti saresti aspettato, va bene comunque, perché tutto è risolto. Ho cresciuto mio figlio dell'umorismo e con umorismo: adesso ha 17 anni ed è un grande. Potrebbe fare l' attore, lo vedo come il grande Gigi Proietti, ma lui sembra non volerlo. Ogni tanto ,quando mi rompe, ti imito e sfodero una tua battuta . l'umorismo mi aiuta ogni giorno a combattere i miei problemi. È di conforto ,come un' amico che ti fa visita , ti racconta un'aneddoto, tu intanto gli fai il caffè. .. E così ti distratti. Poi l' amico va via e ti dice: "Chiamami se vuoi parlare o se hai bisogno! ". E quando chiudi la porta ti rimane il sorriso!
    Ciao Rocco, un abbraccio.
    Nicla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, si, Nicla. Ci fa leggere in un modo diverso la realtà. O meglio, forse, ci fa smontare un po' le cose. Talvolta le sdrammatizza. Qualche volta ci spoglia della presunzione o della rabbia.

      E poi, certo, c'è il conforto dell'affetto.

      Elimina
  5. Avere il dono di far ridere è una grande ricchezza, Rocco, aiuta molto, ridere fa bene al corpo e allo spirito, è terapeutico. A volte diventa un vero rifugio che protegge dalle tempeste della vita, rifugio dove si riesce a riassaporare il gusto della gioia
    che pur sapendola effimera consola! Grazie.

    RispondiElimina
  6. Ogni cosa fatta con il cuore dà conforto e aiuta a vivere meglio, sia essa un mestiere o una passione.
    Da conforto e aiuta chi la fà e chi la riceve.
    E un sorriso viene sempre dal cuore.
    Baci
    Monica

    RispondiElimina
  7. Il potere curativo del farsi quattro risate lo conoscono tutti: ecco Rocco sei un dottore in Allegria che cura noi malati di malinconia! Grazie

    RispondiElimina
  8. Bellissimo avere il dono dell'umorismo e saperlo usare in maniera intelligente .La risata come una dolce medicina da assumere ogni giorno ,per trovare leggerezza .Graze Rocco per farmi ridere e regalarmi attimi di serenita Teresa

    RispondiElimina
  9. Ciao Rocco. bel termine!! Affiancare...altra parola che mi piace. Quando sento abusi di parole come riabilitare, educare, etc..nel mio campo..mi viene ormai l'orticaria. Affiancare e confortare vengono prima,dopo,durante. Se sappiamo cosa significa riceverlo su noi stessi è impossibile non ritenerlo essenziale per chiunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissima osservazione Laura grazie

      Elimina
    2. bellissima osservazione Laura grazie

      Elimina