Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

sabato 16 gennaio 2016

Io insisto, gentilmente

Insisto, gentilmente. Mi piace, la gentilezza. E ho voglia di ribadirlo, non mi stanca mai. E’ un boomerang che fa bene. No, non penso alla gentilezza di rimbalzo, reciproca. Credo proprio che elargisca benessere già semplicemente praticarla.

D’altra parte ne ricevo molta, da voi tutti. E questo me ne ricorda ogni giorno il valore. Insomma la facciamo questa rivoluzione?!

5 commenti:

  1. Mi viene da ridere perché ho da poco cambiato colleghi ed una di loro mi ha detto: "Non pensavo fossi così gentile insomma quando ti guardavo mi sembravi antipatica" .Ecco la gentilezza rende pure simpatici, più belli anche! Ma soprattutto fa star bene chi la elargisce ed è uno scudo contro gli arroganti e aggressivi!
    Ciao Rocco e buon tour teatrale...sei stato a Torino , la prox volta spero di incontrarti!

    RispondiElimina
  2. Da parte mia ho cominciato qualche anno fa quando ho ringraziato l'automobilista che si è fermato per farmi attraversare la strada. Ero sulle strisce ma mi è sfociato spontaneamente un " grazie" e lui ha sorriso dicendo "prego".
    Da allora ho notato che ringraziando sempre spingo le persone a me vicine ad essere gentili di conseguenza verso le altre intorno a loro

    RispondiElimina
  3. nedy rovarotto16 gennaio 2016 17:13

    Bella idea la rivoluzione della gentilezza, come quella degli abbracci e dei baci che alcuni volontari elargiscono per strada agli sconosciuti. È un boomerang che fa bene come dici tu, non di rimbalzo, fa bene come il perdonare, quando si riesce.
    Ma la non gentilezza... quella si che è un boomerang, quello di ritorno.. Conosco una persona non gentile, ha tante qualità ma a essere sinceri ed espliciti, quasi cafona. Eravamo in vacanza insieme, Sardegna anni '90...lei tornava a casa e mi diceva che il tabaccaio era un cretino, il barista del tal locale un maleducato, il panettiere un imbecille che non capiva una mazza... poi ci andavo io, tutti cortesi, gentili, capivano al volo... Io, mio marito e il suo ridevamo perché, conoscendola, riuscivamo perfettamente a immaginare non il suo ingresso ma le sue incursioni nei vari negozi, i modi aggressivi delle sue richieste e anche se la imitavamo facendoglielo notare lei rideva di gusto ma non cambiava il suo modo di essere rimanendo nella convinzione che comunque la maleducazione fosse sempre e solo degli altri e non una semplice risposta alla sua.

    RispondiElimina
  4. Ti ringraziamo! ! E lo sai pian piano cosa sto imparando. ... dopo tante incavolature interiori?! Ho imparato che essere gentili con chi ti ricambia ti rende felice, serena, soddisfatta. Ma vuoi mettere essere gentile con chi non ti ricambia? Ti nobilita l'animo , credimi. Non sai che soddisfazione c'è quando sei gentile e la persona che te ne ricambia ti risponde "te lo meriti"... bello, bello. .... ciao da Daniela.

    RispondiElimina
  5. @Franca @Pina @Nedy @Daniela....
    siete più che gentili, squisite!!!

    RispondiElimina