Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

lunedì 19 ottobre 2015

Il sogno della verità

D’altra parte verità è una parola grossa, da maneggiare con molta cura.

A me, lo sapete, piace poco la retorica e un po’ quasi mi infastidisce l’idea di farmi bello con pensieri enormi come questo…ma farli viaggiare è una tentazione irresistibile. Cazzo forse è un modo per ricordarli, per continuare a dare dignità ai sogni e alla verità.

5 commenti:

  1. Ma Rocco la verità non è mai assoluta per me ma ha sempre un margine individuale. Assiomi ci sono in matematica ma non nella vita che secondo me è bella proprio per la possibilità che ognuno di noi ha di avere ideali valori e sogni per se ma anche da condividere. Io non riuscirei a vivere senza i miei sogni e quando mi dicono che faccio parte di una minoranza rispondo che è meglio stare con una minoranza con cui si condividono valori ideali e sogni che appartenere ad una maggioranza di sticazzi. Quindi viva la vita sognata ma non sognante.

    RispondiElimina
  2. Caro Rocco mi chiedo ma se non ci permettono più di sognare vorrà dire che in fondo fa comodo alimentarci di un inganno perenne?
    Baci Monica

    RispondiElimina
  3. nedy rovarotto19 ottobre 2015 20:31

    Difficile Pasolini, quasi come se parlasse unallingua che non è la mia infatti non capisco COSA esattamente significhi questa riflessione, vado al buio e penso che si possano dare interpretazioni diverse, ne scelgo una tra le, forse, possibili: la verità sta nel/ nei sogno/i...ma se il sogno è contrapposto alla realtà vuol dire che la realtà esiste e il sogno non esiste, dunque neanche la verità esiste (sillogismo contorto). Perché, tranne le verità incontrovertibili, ci sono tante verità possibili, tutte ugualmente valide e plausibili, tante verità come tanti i sogni.
    E concludo con le amenità che mi sono più congeniali citando Mark Twain "Non è bene che si pensi tutti allo stesso modo: è la diversità di opinioni ( e io aggiungo di verità) che rende possibile, ad esempio, le corse dei cavalli".

    RispondiElimina
  4. Sì Rocco , i sogni con i loro messaggi devono viaggiare, passare da cuore a cuore fino ad arrivare alla testa . Ho sempre sognato e ho avuto il piacere la gioia immensa di vedere realizzati alcuni dei miei sogni...Sognare non è indice di ingenuità come in tanti credono, il sognatore è il motivatore di sé stesso, è una persona piena di volontà perché lotta x vedere realizzato il suo sogno anche se questo comporta a volte uscire dal branco . Saluto te e tutti quelli che come me non han bisogno di dormire per sognare!!!!

    RispondiElimina
  5. Secondo me, Rocco, la verità è talmente rara che diventa quasi un sogno poterla incontrare... Purtroppo il sogno della verità è diventato quello un po' di tutti. però purtroppo, c'è gente che sogna di essere sincera fingendo. A volte sogno d'incontrare persone che ti raccontino la verità, invece mi accorgo di più in più che ci sono famiglie intere che sono costruite sulla menzogna. Le verità rimangono nascoste, chissà perché, a cosa serve la verità se nessuno la usa? La verità, per cui, rimane un sogno da raggiungere, anzi le verità, poiché Pasolini già aveva capito che le verità erano e sono, ancora oggi, ancorate alla speranza dei sogni da realizzare, ma che purtroppo soccombono alla volontà d'apparire e non di essere.

    Buona notte Rocco!

    RispondiElimina