Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

sabato 5 settembre 2015

Mescolati

Non è che ho troppa voglia di aggiungere altro. Insomma siamo scossi, tutti. E troppe barriere, create o strumentalizzate, mettono gli uni contro gli altri. Come se il mondo e il tempo fossero di qualcuno e di qualcun altro no. Come se davvero la nostra vita non durasse che poco più di un soffio. Come se non avessimo da camparci dentro invece di credercene padroni assoluti.
Che poi cazzo, continuo a pensare alla meraviglia della diversità. Di quanta ricchezza e quanta bellezza non godremmo se non fossimo mescolati?

18 commenti:

  1. Sono di Torino e vivo in una realtà multietnica in cui si sentono parlare molte lingue. Ma quando sono sul bus e vedo quei bellissimi bimbi neri con grandi ed espressivi occhioni parlare in italiano ai genitori mi domando come si possa considerarli stranieri. Sono il nostro futuro

    RispondiElimina
  2. Noi siamo come molecole .. insieme , compatte formiamo il cosmo .. di vari colori ,con difetti e con emozioni uguali che vanno all'unisono .. cantiamo la canzone della vita che si basa sulla libertà e sulla fratellanza .. mescolati siamo più belli .. pensa a un modo tutto nero , tutto bianco o tutto giallo .. oppure tutti cristiani e nessun musulmano oppure ancora senza la diversità dove alberga più sensibilità.. mescolati formiano il cibo della vita.. sapori e odori che inebriano il cuore e lo riempiono d'amore.

    RispondiElimina
  3. Rocco , eppure, vedo cose che sono già successe 70 anni fa... marchi di riconoscimento, fili spinati, bambini , donne, uomini morti... ma una domanda mi sorge spontanea... ma quando cazzo cambierà il mondo, l'uomo? Allucinante! Le guerre nascono per un interesse economico, questo è certo e, tutti noi, nessuno escluso (o quasi) ne paghiamo le conseguenze . Io , opto sempre per una sana collaborazione tra i popoli per porre fine a questo scempio. Non vorrei che valga ancora il detto che il popolo va placato con la forca e la farina. I potenti, senza un popolo che li sostiene, non sono più tali. Bisogna che un pò tutti, collaborando, ci dessimo da fare! Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzo Daniela stai diventando saggissima!

      Elimina
    2. Ti posso rispondere alla Rocco???????? STICAZZI!!!!! :-oooo

      Elimina
  4. Chi non accetta la diversità vorrebbe che il mondo, tutto, si uniformasse a se stesso, ai suoi gusti, alle sue abitudini perchè la sua mente è troppo rigida per adattarsi agli altri, è troppo piccola per capirli, ha anche paura di conoscerli, di avvicinarsi e dunque non può sapere e non saprà mai che quello che crede diverso invece è uguale a lui!
    Ci pensi che noia un mondo piatto e tutto uguale? Un solo colore, una sola nota, un solo fiore...un solo sesso!!!
    Ma c'è un solo cielo, uno per tutti, e ci stiamo tutti sotto, vorrà pur dire qualcosa no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nedyyyyy ti mando un bacio...accademico :))))

      Elimina
  5. Sì , Rocco, come non darti ragione, è così palese che le differenze ci sono e che è un bene per l’umanità intera. Ti sei mai chiesto perché la terra è tonda? Ci pensavo l’altro ieri guardando quel fiume di profughi che in tutta la loro dignità e diritto di cittadini del mondo, chiedevano e chiedono di transitare per raggiungere, forse, un luogo dove poter vivere per non morire, mi sono posta la stessa domanda ed ho pensato che:
    Un cerchio come una sfera, non ha né inizio e né fine ma solo congiunzione in ogni punto, non ha per cui neppure quei confini che una mente chiusa in quelli suoi, un giorno li inventò, rendendo spigolosa questa terra che da millenni gira senza sosta, nell'infinito spazio libera nei suoi movimenti, ma dove l’uomo ne ha ucciso la libertà.
    Tonda perché, come dicevo, dove ogni inizio si ricongiunge con la fine in ogni dove e ricomincia il giro senza fine. La sua rotondità c'insegna la perfezione e l'eguaglianza, la libertà del movimento perpetuo della vita, e non quello dei limiti minati, dove il giro si spezza e non si ricongiunge.
    Dove la prepotenza e la superbia s’impadroniscono del mondo, un mondo senza più anima e né amore per i propri simili, eppure, anche se mi ripeto, il sangue che scorre nelle vene di tutti ha lo stesso colore, poi per chi pensa che i bianchi non ammazzano, non rubano, non commettono quelle azioni che fanno dei loro discorsi razzisti la differenza tra gli altri colori o differenze, ebbene penso che non ci sia nulla d’aggiungere a in proposito, no? Comunque approvo e sposo quanto affermi Rocco e spero che qualcuno, come i paesi produttori d’armi e quelli a chi fanno comodo le guerre, subiscano la stessa sorte di questa gente che fugge dalle guerre che loro creano e alimentano. Mi hanno insegnato che non bisogna volere il male d’altri e così dicendo l’ho augurato, ma la morte di tanti innocenti mi fa male e mi ripugna. Vedere che chi si è salvato e viene marchiato come bestiame da macello, mi fa ricordare un’altra tragedia: l’olocausto che avrebbe dovuto insegnarci, invece è servito solo per copiare, vedo che c’è sempre chi dimentica facilmente e ricorda solo quel che fa comodo. Ciao Rocco, buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima osservazione, Anna,
      Il cerchio perfetto, la compiutezza, l'infinita continuità, il flusso senza inizio e fine. E la bellezza delle sfumature. E il libero movimento. E quel senso di scoperta che ci regala sempre qualcosa in più. Pure un antidoto ai nostri limiti ;)

      Elimina
  6. La possibilità di scambiare DNA è alla base dell'evoluzione....Gli animali immutati da millenni ,che sopravvivvono solo in particolari ambienti,generalmente isolati ,sono detti fossili viventi.....E ora aggiungerò una cosa molto poco scientifica:sarà un caso, ma sono tutti bruttissimi.....AmeliaPaola

    RispondiElimina
  7. Caro Rocco, che vuoi che ti dica, io non ci riesco proprio a mescolarmi con certa gente e considerando che vivo a Verona, città con un'altissima percentuale di teste di cazzo, capisci bene quale sia il problema mio e di altri che la pensano come me (e qua sarebbero anche la maggioranza, difficile a credersi). Insomma "accettare" è una bella parola ma talvolta verrebbe voglia di metterla in pratica con una scure. Non è facile, proprio per niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco può darsi ci siano situazioni difficili, non posso metterlo in dubbio, so che le concretezze della realtà sono assai faticose in questo momento ma comprenderai che la diversità è ricchezza, che c'è un cammino comune su questa terra, che dobbiamo provare incontri e non scontri...

      Elimina
    2. Spero che si capisse Rocco che mi riferivo alla mia difficoltà ad accettare coloro che vivono le diversità in termini di scontro ideologico, paura e pregiudizio. Mi domando come possa esserci un "cammino comune" con chi invoca guerre sante e applaude davanti alla foto di un bambino morto. Quale incontro può avvenire con chi ti condanna per l'orientamento sessuale o ti giudica per il credo religioso? Non si può sempre tendere la mano e non si può pensare di avere un dialogo con chi non rispetta la tua diversità. Per dirla con John Belushi "Io li odio i nazisti dell'Illinois".

      Elimina
    3. No, Marco, mi spiace ma io non l'avevo capito...Ora sei stato chiaro.

      Elimina
    4. Allora ho fatto bene a puntualizzare mi sarebbe spiaciuto esser frainteso da te su una cosa cui tengo particolarmente come il rispetto per le persone e mi accorgo che in effetti non ero stato per niente chiaro. Scusami. Ciao.

      Elimina