Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

giovedì 30 luglio 2015

Onda su onda: set in progress

Non possono mancare, poesia e musica.
E magari quel certo non so che di una band sulla stessa lunghezza…d’onda.


Mi piace, il respiro in navigazione, cazzo. Con il destino poi che fa il suo corso. Il comandante assicura di avere la bussola, speriamo sia vero.

10 commenti:

  1. Voglio venire!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Ma quanto è bello fare un lavoro in cui ti diverti anche....e che palle se no..a mi inviterei alla prima di questo film???? Ciao e buon divertimento

    RispondiElimina
  3. no comment... sono estasiata!!! mare, musica e Rocco Papaleo + band ********-********** è troppo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. anche se ci si perde.... poi.... con questi elementi, ci si ritrova sempre!

      Elimina
  4. Rossana Coletti30 luglio 2015 13:10

    Divertiti... :-)

    RispondiElimina
  5. Spero proprio che almeno la bussola ci sia per non finire come la canzone ahaha Onda su onda di Paolo Conte ... Onda su onda

    il mar mi ha portato qui

    ritmi, canzoni,

    donne di sogno, banane, lamponi

    onda su onda,

    mi sono ambientato ormai

    il naufragio mi ha dato la felicità ... Comunque ci sono sempre le stelle per ritrovare la rotta ! Ciao Rocco buona navigazione!

    RispondiElimina
  6. Nedy rovarotto30 luglio 2015 14:43

    Siete bellissimi...c'è musica, c'è poesia, c'è colore, c'è il mare, c'è vita...
    Non basta che il comandante assicuri di avere la bussola...attento che non la perda!!!

    RispondiElimina
  7. Il mare e la musica sono poesia: mai uguali, mai scontati, nutriti da amori e sogni. E quando fanno da sfondo alla passione e da culla per anime pulite si respira aria di capolavoro.
    Baci Rocco!
    Nicla

    RispondiElimina
  8. Giusto ieri sera abbiamo riguardato per l'ennesima volta "Basilicata coast to coast". E per l'ennesima volta mi sono divertito. E commosso.I silenzi poetici di Max, la voce di Giovanna, la timidezza di Paolo, la simpatica cialtroneria di Alessandro e le tue espressioni stralunate e sognanti, insieme alla basilicata, alle musiche e a tutti gli altri personaggi, ne fanno un film semplicemente bello.
    Poi, "Io alla sera guardo mia moglie" è da incorniciare.
    Ancora buon lavoro.

    RispondiElimina
  9. io invido la vostra "sanità" durante la navigazione...restare in piedi nostante il movimento marino. oddio che fortuna star bene li! e soprattuto meraviglioso navigar cantando!

    RispondiElimina