Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

venerdì 26 giugno 2015

Tacere non è male

E’ una certezza assoluta: non dobbiamo sempre parlare, non abbiamo sempre qualcosa di sensato da dire. Che peraltro tacere talvolta ci permette un paio di cose molto interessanti: ascoltare meglio e lasciar debitamente lavorare il pensiero.

Non pretendo di poter scegliere l’audio solo per le cose che mi piacciono e non mi metto a fare il castigatore di parole a vanvera però cazzo è pure difficile fare finta di non sentire quante ne circolano.

14 commenti:

  1. La gente non ascolta, aspetta solo il suo turno per parlare.
    (Chuck Palahniuk), citazione per citazione. E quindi come sapere se tacereo meno , dipende dall'oratore o dal drago nascosto nel nostro stomaco

    RispondiElimina
  2. Mi hanno sempre inculcato l'idea che il tacere fosse un atto di assenso,tant'e'che esiste la forma giuridica del tacito assenso...pertanto per tanto tempo ho praticato l'atto del dissenso. Adesso dissento tacendo e penso ...anche per oggi la mia dose di stronzate l'ho ascoltata....Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene c'è situazione e situazione, momento per dire momento per tacere...però a bocca chiusa qualche volta facciamo più bella figura.

      Elimina
    2. Piu delle volte!

      Elimina
  3. nedy rovarotto26 giugno 2015 16:59

    Tacere non è male, no, anzi spesso è necessario, indispensabile, altre volte invece è l'unica cosa che puoi "dire" per arrivare dove vuoi, nell'altro, con uno sguardo, una stretta di mano, un abbraccio e non ci possono essere equivoci in questo modo, il messaggio arriva, tutto intero...a differenza del linguaggio verbale che, anche se usato in assoluta buonafede, può creare malintesi o fraintendimenti.
    Per le parole a vanvera è un altro punto di vista, ci sono eccome, i social ne amplificano solo la portata, spesso sono anche aggressive e spietate ma...sono anche orribilmente sgrammaticate...sarà solo una coincidenza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha chissà Nedy...è un'osservazione comunque interessante!

      Elimina
    2. ...quando la fuga verso il silenzio non è possibile metto su il solito sguardo (oramai ben collaudato) pensieroso che disorienta ma incoraggia l'interlocutore e mi occupo dei fatti miei.
      In genere raggiungo un buon livello di estraniazione**
      Un saluto:)

      Elimina
  4. Dare meno importanza alle parole strutturate, scontate, attrattive solo per applausi pieni di sdegno (parole estratte dalla rabbia di chi non ha un microfono sempre a portata di mano); amplificare le parole non dette, tramutarle in concretezza e che profumano di onestà. Sai, a volte internet, se usato bene, può darci più chiarezza rispetto a tante inutilità e cose che si dicono in televisione. Si dice, chi tace acconsente, mentre, in realtà, ne avresti di vaffa da dire in quel momento ma non li dici solo per buona educazione. Chi tace, ha un valore aggiunto, ma spesso non compreso, disprezzato, sottovalutato. Ma facciamo ciò che sentiamo, col giusto tempo dell'anima senza pensare troppo di essere in quel momento simpatici o antipatici o…. giusti(?)! No? Buona serata! ;-)

    RispondiElimina
  5. In questa ora tardiva, dopo avere ascoltato per tutta la giornata nonché tutta la serata gli altri, mi concedo un attimo di relax prima di andare a dormire e ti lascio con questo aforisma: “Parlare è da stupidi, tacere è da codardi, ascoltare è da saggi”. Carlos Ruiz Zafón, L'ombra del vento.
    Aggiungo: Dipende!
    Non c'è mai un giusto equilibrio quando non si ha il buon senso di capire, quando bisogna ascoltare e quindi tacere, senza essere codardi, e sapere quando parlare per non essere stupidi e nemmeno codardi , penso che bisogna tacere per ascoltare e non tacere per essere assenti, anche con se stessi. La saggezza del sapere ascoltare, ci dice anche qual è il momento giusto per tacere o parlare .
    Buona notte, Rocco!
    Anna

    P.S. Spero di non essere stata logorroica :-)) Ciao!

    RispondiElimina
  6. Ciao Rocco, sei un attore magistrale e una persona fantastica, mi piace quello che scrivi e come lo scrivi... a parte questo però che te lo avrei detto comunque ti chiedo... che ne diresti di fare il giurato nel concorso B.A.C.I.O ? che si svolgerà a Villa Pratola di S Stefano magra La Spezia il 5 e 6 settembre 2015 ? Tranquillo non è che devi baciare qualcuna che magari è racchia, (se esistono ancora le donne racchie ) né qualcuna ti bacia e tu diventi un principe, è solo il premio del concorso Belle Arti Creative Italiane Oggi acronimo B.A.C.I.O. Ti seguo da sempre e oggi mi è scattata sta roba, ho detto perché non provarci??? Magari nemmeno mi leggi... ma altrimenti puoi guardare la mia Pagina su FB sono una tua fan, la pagina si chiama Atelier Gustavien Marzia Sofia Salvestrini... e non ti fermare alle apparenze!!! Leggi tutto... Grazie!!!

    RispondiElimina
  7. Non è uno Spam è solo che ti vogliamo in Giuria.. tutto qua. Atelier Gustavien. Marzia Sofia Salvestrini

    RispondiElimina
  8. Ciao Rocco..grazie per aver scelto un mio piccolo aforisma per esprimere il tuo pensiero. Salutoni:)

    RispondiElimina