Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

venerdì 19 giugno 2015

Imperfezione

Ervas, Se ti abbraccio non aver paura
Voi lo sapete, amiche e amici, che ho una certa simpatia per l’imperfezione.
Se mai, a fronte di frasi così belle e intense, mi chiedo: ma dove sta l’imperfezione? Nella vita o in noi?

Che comunque, lei -la fidatissima compagna imperfezione- oltre a essere un antidoto alla noia è un solido trampolino di lancio per viaggi esistenziali fuori dal comune. Sticazzi, io e la filosofia del venerdì spacchiamo…

17 commenti:

  1. La forza e la consapevolezza dell'imperfezione cura la miopia che non ci permette di vedere il bello non catalogato . Ed è esaltante immaginare la vita come un continuo divenire di azioni imperfette.

    RispondiElimina
  2. Una curva a campana,non istogrammi separati,uno spazio condiviso.Abbassiamo il centro della curva, spostiamoci verso i lati , mescoliamo la densità ,e dimenticheremo i termini perfezione e imperfezione.Ps:il mio fantastico trampolino di lancio per un viaggio davvero fuori dal comune e' stato un mio alunno autistico,dal quale ho imparato molto più di quanto gli abbia insegnato.Grazie G.per avermi permesso di entrare nel tuo mondo .AmeliaPaola

    RispondiElimina
  3. Lo sai che ti dico…pensandoci, senza la consapevolezza degli errori, degli sbagli, delle imperfezioni, come potremo mai raggiungere un minimo di serenità?! Accettarsi? Credo! La vita in sé non è perfetta, ma non solo per gli ostacoli che troviamo, anche perché essa stessa ha un termine, non è infinita. La morte è po’ l'antitesi, anzi lo è :-) . È l'imperfezione della vita stessa! Viverla ogni giorno, l'imperfezione, ci può far rendere conto di quanto ogni istante sia prezioso. Ieri guardavo un programma, "coppie in attesa" e, la voce narrante diceva proprio questo: "quando ci renderemo conto che non siamo perfetti, potremo definirci finalmente dei bravi genitori, mamma e papà" più o meno così … ma lo sai che forse è vero? Mia figlia lo dice sempre "mamma, tutti sbagliano" che saggezza! tutta suo padre!! :-P ciao bello naturale, imperfetto e filosofo! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah tutta suo padre!
      Brava, l'auto ironia è magnifica

      Elimina
  4. nedy rovarotto19 giugno 2015 16:19

    Un giardino cinto da un alto muro
    all'interno del giardino una fontana
    nella fontana due stupendi cristalli
    nei cristalli il riflesso di un giardino di rose
    in mezzo alle rose
    un fresco, perfetto, bocciolo di rosa.
    Questa (oltre a un'operazione chirurgica o a una diagnosi) è l'unica perfezione ammissibile. In tutto il resto la perfezione sa di rigore, di inflessibilità, di duro, rigido, intransigente, ossessivo e meticoloso.
    Meglio l'imperfezione, il girovagare sotto la curva a campana, un po' qui e un po' più in là e ritorno, in una fuga continua libera e creativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh...bello fuga continua libera e creativa

      Elimina
  5. nedy rovarotto19 giugno 2015 16:27

    P.S. La poesia iniziale purtroppo non è mia credo sia corretto precisarlo.

    RispondiElimina
  6. E poi mi chiedono che ci trovo nei Lucani (ne ho anche sposato uno!)...grande Rocco!

    RispondiElimina
  7. "Daphne: Osgood, voglio essere leale con te: non possiamo sposarci affatto.
    Osgood: Perché no?
    Daphne: Be'... in primo luogo non sono una bionda naturale...
    Osgood: Non m'importa.
    Daphne: ...e fumo, fumo come un turco...
    Osgood: Non m'interessa.
    Daphne: Ho un passato burrascoso: per più di tre anni ho vissuto con un sassofonista.
    Osgood: Ti perdono.
    Daphne: Non potrò mai avere bambini...
    Osgood: Ne adotteremo un po'.
    Daphne: Ma non capisci proprio niente, Osgood! Sono un uomo!
    Osgood: Be', nessuno è perfetto"
    (da "A qualcuno piace caldo", Billy Wilder, 1959)

    RispondiElimina
  8. Imperfezione. Che poi cos'è ? Si percepisce imperfetto ciò che è diverso. Esiste una vita diversa? Quindi l'imperfezione non può che esistere in noi. Che poi, se guardi bene, le differenze si percepiscono all'inizio. Se non ti fai spaventare da loro, spariscono. Si autoannullano. Vuoi vedere che le differenze sono il preludio della perfezione?
    E sticazzi che venerdì diverso...

    RispondiElimina
  9. Scusa Rocco, ho postato questo commento anche nel post precedente, vedi l'imperfezione cosa fa fare? :-))

    La vita per fortuna è fatta anche di sbagli e chi no ne commette, morirà senza aver vissuto.
    Viva le imperfezioni , sono fautrici di sfide che facciamo con noi stessi, esse temprano il carattere, se tutto fosse perfetto non ci sarebbe più la creatività poiché è dall'imperfezione che si crea, si migliora e si ricrea. L’imperfezione ci appartiene e come tale appartiene anche alla vita che viviamo.
    Ognuno è perfetto se riconosce e accetta le proprie imperfezioni
    Buona serata, Rocco.

    RispondiElimina