Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

martedì 12 maggio 2015

Tempo e musica

Mi viene in mente la vita a passo di danza. Nel senso che i movimenti dei ballerini sono perfettamente, armoniosamente sincronizzati con la musica…
Fortunatamente non c’è bisogno di essere professionisti del ballo, per vivere a ritmo. Di suoni e mondo, di scelte e gesti in melodia.
Note e pensieri sulla strada e tutto fluisce più facilmente no? Testa e corpo forse incontrano il momento giusto, la combinazione ideale. Una sorta di andatura naturale.

Cazzo non si tratta di essere suonati ma di entrare in relazione, con il suono…in qualche modo pure suonarlo, certo.

12 commenti:

  1. Niente di più difficile, in certi giorni, vivere al ritmo della vita. Quando perdi il passo diventa un movimento goffo e difficile da recuperare. Per fortuna la musica a volte cambia e torni a godere del suo ritmo e ti lasci cullare, senza perdere di vista l'obiettivo finale: arrivare a tempo....
    Baci
    Monica.

    RispondiElimina
  2. I suoni e le melodie sono i tutte le cose, in tutte le funzioni vitali.
    E' una forza inesorabile che trova sempre il piglio sul quale aggrapparsi e trascinarci ... i sordi, ad esempio, li rapisce con le vibrazioni del ritmo.
    Il suono ci possiede, grazie a Dio.

    RispondiElimina
  3. Ognuno ha i suoi tempi, i suoi ritmi e le sue note appunto, vero!! Mi piace pensare che ognuno di noi ha un suo suono, una sua armonia, un suo genere di musica, certo. Anche se non intonata a volte; d'altronde, non tutti i cantanti celebri sono perfettamente intonati, ma hanno una loro personalità, una loro ritmica, un loro cuore. Ed è questo, secondo me, che conta. L'emozione, le idee, la personalità, contano, sempre. Da una disarmonicamente ritmata ti auguro buona musica! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disarmonicamente ritmata non è male ;)(

      Elimina
    2. Ah giusto, buona musuca Daniela!

      Elimina
  4. Ho sempre pensato alla vita immaginandola come una ballerina, e il mondo, come un teatro sul quale si esibiscono le voci di tutte le creature che lo animano per formare il canto del mondo. Per questo Rocco, mi permetto di inserire due mie poesie per raccontare, al ritmo dei versi, la melodia che la vita, in quanto ballerina e il mondo in quanto una grande orchestra, fanno vibrare la mia esistenza.

    Ballerina

    Balla vita ballerina
    sulla musica divina
    giravolta nella mente
    nello sguardo della gente
    nell'incanto delle note
    nella gelida mattina
    nel tramonto arroventato
    balla sempre e non fermarti.

    I rintocchi delle ore
    sono il ritmo del tuo cuore
    della tua energia espressa
    nel calore dei tuoi gesti
    non fermarti ballerina
    non fermarti e balla ancora!

    Sulle note di poesia
    fiore fragile tu danzi
    con le ali di farfalla
    accarezzi la speranza.

    Balla ancora vita mia!
    Balla e segui la tua via
    non parlarmi di tristezze
    voglio vivere la gioia
    poiché so che nulla resta.

    Balla dunque ballerina!
    Balla
    e dimmi che sei viva!
    __________________________
    Il canto del mondo

    Conosco il canto del mondo,
    nello sciabordio dei suoi mari,
    nello scroscio dei suoi fiumi,
    nell'ululare del vento che soffia
    sui ghiacciai .
    Il canto del mondo lo conosco,
    è il susseguirsi delle stagioni,
    è il dimorare nelle abitudini dei suoi giorni,
    che pur se si somigliano,
    cambiano dall'alba a sera,
    miracolo del suo canto ogni volta che si rinnova.
    Conosco le note del suo canto,
    richiami di foreste,
    deserti, praterie e sterminate steppe,
    oceani di creature tutte coi loro suoni,
    per dare al canto del mondo,
    la melodia più bella e strana.
    Conosco il canto del mondo,
    le luci che lo avvolgono,
    con aurei raggi e diafani sorrisi notturni .
    Sì, conosco e amo il suo canto,
    e io che sono niente,
    mi domando solamente,
    se lui conosce il mio canto.

    Anna Giordano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è di che Rocco. La tua generosa gentilezza e semplicità nel condividere e rispondere partecipando alla discussione, a una perfetta sconosciuta, almeno parlo per me, non sapendo se conosci le altre persone che partecipano attivamente a queste tue riflessioni, non posso che essere io a ringraziare te per il tempo che dedichi a tutti e per la tua ospitalità. Grazie

      Elimina
  5. È il frangersi delle onde del mare sulla spiaggia il ritmo musicale che preferisco: ci sento il fragore del battito dei cuori di tutta l'umanità; è il darsi e il ritrarsi di ogni storia d'amore! Non c'è migliore andatura naturale del movimento continuo del mare!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo quel che dici.. naturale allineamento corpo anima cervello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura mi sa che rubo la tua sintesi come perla della settimana!

      Elimina