Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

sabato 28 marzo 2015

Tu chiamali se vuoi...difetti

La forza dell’imperfezione è l’originalità. Insomma il ‘difetto’ ha un aspetto unico, eccentrico, potenzialmente portentoso.

Che ne dite? A me continua a sembrare un ottimo inizio, uno spunto, uno stimolo, un’idea. Lavorare sul ‘lato debole’ per trovare un proprio equilibrio. O una strada da percorrere. Già, che smussare lo spigolo, colmare la lacuna, vedere un’alternativa, fare di necessità virtù può regalare risvolti emozionanti. Facciamo addirittura eccitanti così ci carichiamo di più echeccazzo. O no?

10 commenti:

  1. La mia prima bambola era proprio brutta:avava una pancia enorme,braccia spoporzionate,gambe storte, capelli bianchi,durissimi e arruffati,e al posto della bocca un buco.La chiamai bamboo,perchè la riempivo di acqua saponata,ci infilavo un pezzo di canna di bamboo in bocca e premendo la pancia ottenevo meravigliose bolle di sapone.Le altre bambole, belle e inutili, con i capelli lisci e biondi,nuove e perfette, stavano a guardare:non avevano nessun difetto che mi permettesse di interagire con loro...Bamboo era proprio brutta,ma quanto mi ci sono divertita!AmeliaPaola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che bamboo era una brutta che piaceva!!!
      ;)

      Elimina
  2. Il vecchio gioco "dei difetti "di quando eravamo piccoli .Solo che allora magari ci restevamo male .....quando ci raccontavano i nostri difetti .Crescendo abbiamo fatto di difetti "virtu"...ci siamo smussati .I difetti fisci o caratteriali in fondo ci fanno sentire unici .Siamo come siamo anche grazie ai nostri difetti e per quello ci dobbiamo voler bene .Buon week Rocco .Teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che possiamo farli diventare un valore aggiunto, Teresa!

      Elimina
  3. Credo che a noi gente comune la perfezione non interessi più di tanto. Dico questo perché quando vedo una persona tremendamente o apparentemente "perfetta" mi scatta un meccanismo non dico di invidia perchè è una cosa che non mi appartiene, ma di fastidio. Anche perché spesso e volentieri gioco sui difetti degli altri per tastare il livello di sopportazione.. ihihih! i difetti personali rimangono tali, forse un pò "lavorati", presi in giro, perfettamente ancora imperfetti. Mi piace pensarlo! Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela infatti tu sei perfettamente imperfetta quanto imperfettamente perfetta :)))

      Elimina
  4. Rossana Coletti30 marzo 2015 13:18

    Rocco, vent'anni fa mi guardavo allo specchio e vedevo una bellissima ragazza a mio parere senza difetti. Oggi, a quasi 44 anni, mi guardo allo specchio e vedo una donna con qualcosina che non mi va di chiamare difetto, qualcosina che... Che faccio? Sistemo lo specchio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rossana senza ombra di dubbio lo specchio è da sostituire.

      Elimina
  5. Pregi , difetti...difficile a volte distinguerli...forse dipende sempre dal punto di vista...un pochetto come se ci si fermasse a guardare una soletta in costruzione , chi sta sotto magari dice di vedere un soffitto , chi sta sopra un pavimento ...chi la sta costruendo vede il cemento che sta mettendo e magari manda al diavolo sia quello al di sotto che quello al di sopra, che cavolo c'entra con il difetto? Boo. ?...ah ecco , il muratore che la stava costruendo e ne vede il difetto , si sposta e i due ...quello sopra cade , assieme alla soletta , sopra quello sotto ... ma non si potevano fare i cavoli loro e starsene da n'altra parte quei due ?

    RispondiElimina
  6. Il difetto , a volte , forse sta in chi giudica il difetto stesso e il pregio sta in chi accetta il giudizio altrui come una semplice opinione

    RispondiElimina