Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

sabato 8 marzo 2014

Viva le donne

Non faccio fatica a tacere, soprattutto quando c’è qualcosa di piacevole da ascoltare. O quando quello che vedo mi lascia senza parole…
Cosa avete capito?!

Quella di Botero è ARTE. E comunque è un bel pensiero per tutte le donne, sempre.

(Fernando Botero, Donna con chitarra)

4 commenti:

  1. dinatella vinci8 marzo 2014 10:25

    Grazie Rocco!anche per aver messo in mostra una bella donna in carne!W Botero!

    RispondiElimina
  2. Caro Rocco,
    un pensiero carino il tuo, nelle tue parole dolci e ironiche, una bellissima dichiarazione d'amore alle donne, poi che soddisfazione vederti postare "donna con chitarra" di Botero... nella società di oggi gli stereotipi della taglia XS e della magrezza assoluta, dell'andatura da velina e il trucco esagerato sono così imposti nelle menti che troppo facilmente noi donne vi ci perdiamo, perdiamo fiducia in noi e non ci sentiamo all'altezza, soprattutto le più giovani. La femminilità è fatta di forme, di sorrisi, di profumi sottili, di gesti, è la carezza di una madre verso un figlio, la lacrima di una nonna quando dopo anni rivede un nipote nato all'estero, la mano di mia madre che accarezza la testa calva di mio padre e gli da forza di lottare ancora, il labbro che una giovane ragazza si morde per nascondere l'emozione quando il ragazzo che le piace le viene vicino. Femminilità è forza nel mettere a mondo un bambino, è perseveranza nel portare avanti studio e lavoro, o lavoro e famiglia, è trovare forza dove sembra non ci siano più risorse per andare avanti, la femminilità sono quei sfoghi di lacrime che si fanno di nascosto per poi uscire con un sorriso davanti a chi tieni, è aver la forza di ricomporre un cuore dopo che l'uomo che amavi l'ha fatto a pezzi perché non capiva le tue attese ed i tuoi sogni, è ricostruirsi anche se si ha paura di essere diffidenti verso l'amore perchè si ha patito troppo. Queste ultime cose le ho vissute a pelle e ancora devo rimarginare le ferite. Quindi permettimi di prendere questo augurio e di farlo anche un pò mio, visto che da gentleman lo hai dedicato a tutte le donne. :) faccio come se questo post fosse quel rametto di mimosa che oggi non ho ricevuto, io però un mazzo di fiori l'ho regalato, a mia madre, per ricordarle quanto è importante, mi ha risposto "il fiore mio più bello sei tu Rose...." E questo mi ha riscaldato il cuore! :)

    Rispondo al tuo omaggio alla Donna con dei versi del Maestro Totò, perchè in leggerezza e poesia ti voglio ringraziare

    La donna

    Chi l'ha criata è stato nu grand'ommo,
    nun 'o vvoglio sapè, chi è stato è stato;
    è stato 'o Pateterno? E quanno, e comme?
    Ch'avite ditto? '0 fatto d' 'a custata?
    Ma 'a femmena è na cosa troppo bella,
    nun 'a puteva fà cu 'a custatella!
    Per carità, non dite fesserie!
    Mo v' 'o ddich'io comm' è stata criata:
    è stato nu lavoro 'e fantasia,
    è stata na magnifica truvata,
    e su questo non faccio discussione;
    chi l'ha criata è gghiuto int' 'o pallone!

    Ti mando anche simbolicamente il fiore che serba in sé il mio nome... ma senza le spine però!

    un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. gtazieeee.....anche se in ritardo....un bacio

    RispondiElimina