Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

giovedì 27 marzo 2014

Ancora a teatro

Resistete, tenete duro. Ancora poche date e poi vi libererete della tournée di Una piccola impresa meridionale bis.

Fa tappa ancora nei teatri di:
Lacedonia il 28 marzo
Salerno il 29 e il 30 marzo
Carrara l’1 e il 2 aprile
Barga il 3 aprile
Civitavecchia il 5 aprile
Rieti il 6 aprile

Con me:
Francesco Accardo (chitarra)
Jerry Accardo (percussioni)
Guerino Rondolone (contrabbasso)
Arturo Valiante (pianoforte)


Continua strenuamente la regia Valter Lupo. Produzione Less is more.

10 commenti:

  1. in bocca al lupo a tuttie merda merdissima!

    RispondiElimina
  2. Ciao Rocco, è un peccato che il tuo tour teatrale non abbia toccato le Langhe/il basso Piemonte. Qualora riuscissi ad inserire in extremis una tappa da queste parti, ci si vede presto! ;-)

    RispondiElimina
  3. Ciao Francesco, no, non ho altre date in Piemonte, mi spiace.

    RispondiElimina
  4. Non è con la fine della tournée che ci si libera di te.
    Tu resti nelle mani che hai stretto.. resti sulle labbra che hai fatto sorridere..
    e resti nel cuore di tutti.
    Anche nel mio.

    RispondiElimina
  5. Fine della tournée.... mi rattrista ma è anche ora che voi tutti vi godiate un meritato riposo. Poi sicuramente presto tornerete con nuove sorpresi, nuovi arrangiamenti, nuovi versi. Io sarò in prima fila, come sempre :)
    Impossibile liberarsi del groove dell'impresa, della tua poetica, della vostra gentilezza e del vostro piacere di essere in scena e anche in platea. Son ricordi che restano appiccicati all'anima.

    Ti do un esempio: ieri qui a Ginevra pioveva e sai cosa mi son detta "chissà se piove in cinque quarti?" :) e aspettando l'autobus sull'Iphone ho messo "la tua parte imperfetta".
    Sei un artista vero e arrivi al cuore e una volta che ci hai preso appiglio, non ne esci più. :)

    Mi permetto di riprendere la battuta sulla pioggia di una piccola impresa meridionale, di ribadire che grazie a te anche la pioggia è JAZZ e mette una smania ballerina in corpo che esorcizza il brutto tempo con interiore raggi di sole, e ti cito Federico Garcia Lorca:

    La pioggia ha un vago segreto di tenerezza
    una sonnolenza rassegnata e amabile,
    una musica umile si sveglia con lei
    e fa vibrare l'anima addormentata del paesaggio.

    È un bacio azzurro che riceve la Terra,
    il mito primitivo che si rinnova.
    Il freddo contatto di cielo e terra vecchi
    con una pace da lunghe sere.

    È l'aurora del frutto. Quella che ci porta i fiori
    e ci unge con lo spirito santo dei mari.
    Quella che sparge la vita sui seminati
    e nell'anima tristezza di ciò che non sappiamo.

    (...)

    Ogni goccia di pioggia trema sul vetro sporco
    e vi lascia divine ferite di diamante.
    Sono poeti dell'acqua che hanno visto e meditano
    ciò che la folla dei fiumi ignora.

    O pioggia silenziosa; senza burrasca, senza vento,
    pioggia tranquilla e serena di campani e di dolce luce,
    pioggia buona e pacifica, vera pioggia,
    quando amorosa e triste cadi sopra le cose!

    Ogni tuo verso, ogni nota dell'impresa hanno la bellezza di questa pioggia. quindi grazie. Grazie per le emozioni date durante questo tour e grazie per la creazione di questo blog che ci permette di esserti affianco anche quando non percorri le platee della penisola alla ricerca di mani da stringere!

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Questione di musica...il ritmo mi accompagna. O mi muove. O mi ispira. Lo tengo o mi tiene!
    La pioggia dev'essere più o meno come me ;)

    Il teatro è il mio posto. Adesso mi aspettano i set ma, non c'è dubbio, tornerò sui palcoscenici. Intanto...et voilà il blog!
    Ciao Rose, salutami la piovosa Ginevra

    RispondiElimina
  7. Teatro dei Differenti1 aprile 2014 14:28

    Ti aspettiamo a Barga con un teatro tutto esaurito!!!!

    RispondiElimina