Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

mercoledì 29 gennaio 2014

E' nata una star?

Ancora un pezzo di ricordi.
Con Luciana Litizzetto e Pietro Castellitto uno spezzone piuttosto interessante.
E’ meglio avere gli attributi fuori misura o saper suonare il piano?
Un adolescente pornodivo, un padre normodotato e una madre che sul normo non è del tutto convinta…
Godetevelo (il video) ma non ridete così! Un po’ di rispetto, andiamo, su… 

9 commenti:

  1. Bravo Rocco. Ho visto il tuo ultimo film...sinceramente penso che sei veramente bravo bravo bravo.

    RispondiElimina
  2. Una piccola impresa meridionale....sei veramente bravo bravo bravo

    RispondiElimina
  3. Ho cercato di resistere alla tentazione di non commentare, giuro! ma non ci riesco, e più forte di me....
    "è nata una star" l'ho visto a Torino, la sera dopo che ho avuto la fortuna di incontrarti di persona alla Feltrinelli, dove offristi una bella performance acustica con i mitici Arturo e Ciccio, e poi al Colosseo. Il primo incontro, che da tempo volevo fare e che già mi lasciò con delle stelle negli occhi. Mi restavano due giorni da passare a Torino, così quando ho visto il manifesto cinematografico con quelle due facce divertenti di te e della Luciana, non ho esitato, dovevo andare a vederlo. Anche perchè in Svizzera dove mai avrei avuto l'occasione di farlo? Bella la complicità fra te e la Lucianina, il film era una bella scommessa soprattutto per un paese conservatore come l'Italia in cui parlare di "sesso" per certi versi è ancora un tabù. Ma quella della sessualità è solo un pretesto in realtà per concentrarsi su un'altra grande e complessa questione: quella dell'interazione nel cerchio della famiglia. La famiglia... quel microcosmo che più ci rassicura ma a volta quello che si ha più paura di affrontare, per paura di deludere le aspettative o di aver preso una strada che i tuoi magari non capiscono. Con la mia per tanto tempo, tutti assorti in un'educazione meridionale di condivisione ma troppo all'antica per osare parlarsi veramente, ci sono state quelle interminabili cene in cui, si stava bene sì, ma si parlava di tutto e di niente senza mai affrontare quello che ognuno di noi provava dentro, per timidezza, per paura di dire le cose in modo sbagliato. Da alcuni anni però ci siamo avvicinati in modo geniale (la foto che ti ho pubblicato ne è una prova), questo anche perchè io quei loro maldestri e fieri silenzi li ho combattuti con svariati abbracci, il che, al mio senso, vale più di mille parole e serve a riscaldare i cuori.
    Il film è bello perché con ironia ci fa capire che si può voler bene ad una persona senza davvero conoscere tutte le sue sfaccettature e quel bene può rendere accettabili anche le più inaspettate. Quel meraviglioso contrasto Nord/Sud tra te e la Littizzetto era tenero e divertente da osservare, ed anche durante la promozione del film avete fatto delle interviste esilaranti (specie da Fazio che mi è rimasta impressa la battuta di Luciana in cui si finge scandalizzata dalle tue battute si esclama: "capite che dilemma che vivo io.. cado dalla padella (Fazio) nella brace (te)....). Ahahaha :) Trasmettevate un piacere di stare insieme che era quasi contagioso.
    è stata carina anche la colonna sonora del film, firmata da Brunori Sas. Un artista di vero talento, una specie di nuovo De Gregori, con la voce spaccata alla Rino Gaetano, che non conoscevo e che grazie al film ho scoperto ed ho anche avuto il piacere di incontrare durante la mia permanenza a Roma.

    Insomma un altro bel "pezzo di ricordo" questo, che mi ha messo di buon umore e che tengo nella mia collezione di film, preziosamente, accanto a tutti gli altri che hai fatto e che ogni tanto vado a ripescare per farmi due sane risate o emozionarmi a secondo dell'umore. Ho già fatto posto per "una piccola impresa meridionale" quella perla poetica e preziosissima che non vedo l'ora di rivedere....
    Detto questo.... ti ho imposto qui un altro romanzo che aspetta due tue parole in cui magari inserirai un dei tuoi "congiuntivi colloquiali" (cit!!!) TI SFIDO! :) ;)
    Un sincero abbraccio
    Notte!

    RispondiElimina
  4. Schiumarini Paolina30 gennaio 2014 09:22

    E nata una scrittrice... Non ho visto il film ma lo prenoterò in DVD. Di contro ho visto l'ultimo di Rocco (Un boss in salotto) e mi è piaciuto molto. Ho comperato anche il suo libro sulla oiccola impresa meridionale.

    RispondiElimina
  5. Rose...che l'unico modo per resistere alle tentazioni è cedervi, per dirla con Oscar Wilde. Non trattenerti, qui la porta è sempre aperta, gli amici si accomodano e chiacchierano no?
    Poi è sempre un piacere leggere il gradimento per qualcosa che ho fatto, quindi al massimo posso ringraziarti ancora e ancora.

    Ricordo la battuta da Fazio...Effettivamente abbiamo lavorato bene insieme e poi Lucianina è dolce e brava.

    Bella la tua esperienza di rivisitazione familiare, che dagli abbracci e dalle libertà osate ne escono sempre percorsi di vita più intensi. E magari smorfie di sano squilibrio!

    Ricambio l'abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ciao Paolina e buona lettura allora, mi auguro ti piaccia.

    RispondiElimina