Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

lunedì 13 gennaio 2014

Bertold Brecht, Piaceri

Il primo sguardo dalla finestra al mattino
Il vecchio libro ritrovato
Volti entusiasti
Neve, il mutare delle stagioni
Il giornale
Il cane
La dialettica
Fare la doccia, nuotare
Musica antica
Scarpe comode
Capire
Musica moderna
Scrivere, piantare
Viaggiare
Cantare
Essere gentili.

Che ne pensate, piace anche a voi?

9 commenti:

  1. francesca santillo13 gennaio 2014 13:02

    bellissima.........

    RispondiElimina
  2. Eh certo che piace anche a noi!
    Grandissimo Rocco, adoro il tuo blog, ci si trova di tutto. Pensa che io ho solo 19 anni, ma sono rimasta affascinata dalla tua personalità ... complimenti davvero per tutto quello che fai, dal teatro al cinema alla televisione, ma soprattutto mi sei molto piaciuto come conduttore del festival di Sanremo perché hai sorpreso tutti, spero di vederti nuovamente su quel palco.

    Franci

    RispondiElimina
  3. E' vero, Francesca

    Grazie Franci!!!

    RispondiElimina
  4. Dopo "essere gentili" metterei
    "essere, finalmente, noi"

    Buona giornata a te e a tutti.
    Marco Amadori

    RispondiElimina
  5. "L'impermanenza è uno dei principi che compongono l'armonia.....quando non lottiamo contro di essa siamo in armonia con la realtà."
    Si, piace anche a me tutto ciò che è semplicemente naturale..... come un'imperfezione o una banalità.
    B.

    RispondiElimina
  6. Se tutti seguissero i piccoli grandi consigli veicolati da questa poesia forse le cose andrebbero meglio, la gente vivrebbe più in armonia. Si sa che la poesia e la cultura in generale offrono geniali lezioni di vita che purtroppo il più delle volte cadono nelle orecchie di troppi sordi che in realtà sentono benissimo. Adoro Brecht, ho avuto l'occasione studiare ed interpretare diversi suoi sceneggiati, la sua concezione epica ha cambiato in molti aspetto il modo di fare teatro del secolo passato. Adoro "Piaceri" ed amo il modo in cui fai tua questa poesia quando la condividi con il tuo pubblico. Visto che il tuo blog è un piacevolissimo luogo du scambio e discussione con te mi permetto di allegare al mio commento un'altra bella poesia di Brecht, "Amare il mondo"
    "Ci impegniamo, noi e non gli altri,
    unicamente noi e non gli altri,
    né chi sta in alto, né che sta in basso,
    né chi crede, né chi non crede.
    Ci impegniamo:
    senza pretendere che gli altri si impegnino per noi,
    senza giudicare chi non si impegna,
    senza accusare chi non si impegna,
    senza condannare chi non si impegna,
    senza cercare perché non si impegna.
    Se qualche cosa sentiamo di "potere"
    e lo vogliamo fermamente
    è su di noi, soltanto su di noi.
    Il mondo si muove se noi ci muoviamo,
    si muta se noi ci facciamo nuovi,
    ma imbarbarisce
    se scateniamo la belva che c'è in ognuno di noi.
    Ci impegniamo:
    per trovare un senso alla vita,
    a questa vita
    una ragione
    che non sia una delle tante ragioni
    che bene conosciamo
    e che non ci prendono il cuore.
    Ci impegniamo non per riordinare il mondo,
    non per rifarlo, ma per amarlo."
    che ne pensi?
    Un abbraccio Rocco ;) ci vediamo domani sera al teatro Diana (spero) In bocca al lupo per questa prima data!

    RispondiElimina
  7. Brecht è Brecht, Rose. E io non posso che ringraziarti per aver lasciato qui un'altra sua meravigliosa traccia.
    Un abbraccio a te

    RispondiElimina
  8. I piccoli piaceri danno grandi gioie e come i dettagli fanno la differenza !!!!
    Grazie Rocco mi hai fatto fare un salto nel 2010, quando ai mie esami di stato ho scoperto queste bellissime parole di Brecht.

    RispondiElimina