Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

martedì 12 gennaio 2016

Pensieri di conforto

Aggiungerei anche dell’incontro un bisogno.
…E, d’altra parte, mi piace proprio, ci credo, nel nuovo cammino che incroci in quella specie di interruzione. Spesso contiene delle risposte, delle prospettive, delle illuminazioni. O forse solo dei magnifici conforti. Mica è poco.
Buttarcisi dentro può regalare svolte o sorprese. Talvolta in fondo possiamo pure accorgerci che il salto è quello che scrive per noi il finale migliore.
Sticazzi, oggi sento di scivolare dolcemente nella poesia. Quella della vita.

10 commenti:

  1. Bisogna esserne coscenti di voler cercare tutte quelle cose mentre avresti voglia di chiuderti a riccio .Comunque cercare sempre il lato positivo nella vita aiuta sempre .Solo che qualche volta bisogna accettare i momenti buii,le paure ,le scale troppo ripide ...lasciarsi andare a fondo ,per poi risalire .Grazie Rocco per questi spunti di riflessione.Teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un po' come dire che ci può sempre essere un lato o un piano B :)

      Elimina
  2. A volte bisogna inseguire il bianconiglio e tuffarsi in una tana buia...potremmo scoprire che intorno a noi c'è di più... C'è altro. E ci sono altri... ��

    RispondiElimina
  3. E dell'ottimismo anche ,vedere nuove opportunità ...ci dovrebbe essere un limite però...te lo dice una che ne ha vissuti più di quanti altri ne vivrebbero in tre vite( a volte per scelta,a volte per caso: ( ) .Quello che è certo è che si scoprono parti di se insospettate...perchè anche quando si vorrebbe affondare e lasciarsi andare,la nostra parte vitale si fa avanti con prepotenza.Rocco,mi hai viziata con queste riflessioni...quando mancano ,mi manchi ;)Giulia.

    RispondiElimina
  4. nedy rovarotto12 gennaio 2016 19:02

    Credo sia proprio questa la poesia o la magia della vita: nessun finale scritto, nessuna indicazione sul cammino, nessuna certezza sul risultato. Si va, si procede... a volte con cautela, a volte di corsa, io cerco di fare del mio meglio, di non farmi troppe illusioni, di non esagerare con le aspettative perché le sorprese in genere sono belle ma le delusioni bruciano.
    Mi piace questa idea dell'iniziare sempre, del bisogno di continuare e anche il tuo bisogno dell'incontro: è la voglia di vivere, è la molla che ti dà la spinta giusta, è l'entusiasmo, è la curiosità, è il piacere della scoperta.
    Ciao Rocco, buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in fondo siamo in continua evoluzione e trasformazione...volenti o nolenti ;)

      Elimina
  5. Un bellissimo pensiero. L'incontro, poi, anche se disastroso, può farci imparare a saltare meglio l'ostacolo. Mi piace pensare che tanti cammini, uniti ed allo stesso tempo diversificati, possano incrociarsi ed avere una sola destinazione... la soddisfazione, l'autostima, la tua amata ironia.. la vita, insomma! Cacchio, ma manca ancora un mese per onda su onda!!?..... grrrr! Buona onda!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda che un mese passa in fretta...forse :))))

      Elimina