Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

domenica 10 gennaio 2016

La luna invece del dito

Mi piace, lo spunto. Pensato per un uccello ma estensibile a tutto e tutti.
E’ l’alternativa, il punto di vista, il risvolto, l’opportunità. 
Talvolta pure l’arguzia. 

Una disposizione di spirito, un’osservazione attenta, un’intelligenza curiosa. Oltre le apparenze. In profondità.
Il rovescio della medaglia, la luna invece del dito.

15 commenti:

  1. Gli occhi del romantico guardano oltre il velo di tristi apparenze che la vita spesso ci riserva cogliendo sfumature inaspettate e splendide.

    RispondiElimina
  2. Lo sguardo del romantico supera il velo di tristi apparenze che la vita spesso ci riserva cogliendo sfumature inaspettate e splendide.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo il bello è quasi sempre nelle sfumature no?!
      ;)

      Elimina
    2. Vallo a dire all'autrice delle 50 sfumature di grigio! Ahahahahah E comunque sì la bellezza sta nelle sfumature,nei dettagli e nella sensibilità di chi li coglie! ;)

      Elimina
  3. nedy rovarotto10 gennaio 2016 20:32

    Tutto sommato credo che questa capacità di guardare 'oltre' quella che è la prima impressione, 'oltre' quell'evidenza elementare che salta subito all'occhio consista più che altro nella sana abitudine di pensare con la propria testa, di prendersi un attimo di pausa prima di trarre conclusioni affrettate.
    E allargando il senso di questo saper guardare al di là mi viene in mente Eugenio Montale quando dice, in una famosa poesia, che ' la realtà non è quella che si vede'. Più volte mi viene in mente e spesso mi accorgo che è maledettamente vero. Niente è scontato, e questa è forse la magia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche volta l'occasione da cogliere, il senso, la magia, stanno proprio 'oltre' o fuori dalle righe...
      Si, Montale.

      Elimina
    2. La gabbia in quanto oggetto la vedo come metafora dei limiti che ci poniamo, essendo vuota rappresenta la libertà trovata. Liberarsi per librarsi nello spazio, al di la' dei pregiudizi che inquinano la libertà di pensare, agire ecc...Ma è anche vero che ogni interpretazione ha una sua specifica ragione di essere e per cui non esiste una verità assoluta.

      Elimina
    3. Certo, e uno dei limiti che ci poniamo è fermarsi all'apparenza 😉

      Elimina
  4. Tema attualissimo. Avere la capacità critica di osservare quanto ci circonda prelude alla capacità di esercitare il libero pensiero e Dio solo sa di quanto ne abbiamo bisogno in questa nostra società cosiddetta civile. Una mente empatica è aperta (Come quella gabbia) al confronto, alla tolleranza ed alla creatività. Insomma "oltre" ogni tipo di pregiudizio Buona serata Rocco

    RispondiElimina
  5. Questo è ciò che rende una conversazione densa, che la trasforma in un vero scambio. Da un'immagine iniziale, un intreccio di diverse prospettive. E nuove idee che si formano, la mente che cambia forma per sperimentare una nuova visione. E cresce..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si...è proprio quello che avviene su questo blog....!

      Elimina
  6. sai cosa? ci voleva il cancro per farmi uscire da quella gabbia...un maledetto cancro per liberarmi l'anima...vivrò o forse morirò...ho avuto molto dalla vita ma voglio ancora molto....è vero sai? quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito. bisogna imparare a guardare le pochezze che ci circondano con occhi diversi....ciao rocco. sei proprio bravo. Rossella

    RispondiElimina