Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

sabato 25 luglio 2015

Voi come fate?

Non è che forzo la mano, davvero. Non è che ho un gusto particolare per le ‘parolacce’. E’ che a volte trasferisco in righe il pensiero veloce, così come lo direi al bar a un amico.
Diciamo la verità, ci sono paroline magiche che rendono subito l’idea, rafforzano il concetto. Sticazzi, se rendono e rafforzano. Non è più questione di piacere o non piacere, è scioltezza. Poi insomma quelle così correnti sono ormai praticamente innocue. O disturbano?
Voi come fate, tutti di bocca fine e pulita?

25 commenti:

  1. Hahahaha! Vero Rocco! E poi quando ti scappa di imprecare nel tuo dialetto (il mio è il barese) sembra che il concetto sia reso ancora meglio. Cerco di tenere un linguaggio pulito per essere di esempio a mio figlio e non cadere nel volgare, ma si, quando sono nera mi scappa un "minchia" o un "fanculo" . Poi mi sento terribilmente in colpa , ma lo sfogo rafforzativo ci sta.
    Baci Rocco.
    Nicla

    RispondiElimina
  2. nedy rovarotto26 luglio 2015 15:58

    Misura. Come in tutte le cose, troppe parolacce o troppo "forti" mi disturbano. Ma è questione anche di stile, di personalità: in bocca ad alcuni ci stanno, coloriscono il concetto, lo rendono anche simpatico e divertente, in bocca ad altri sbiadiscono in volgarità, diventano becere. E' una questione di "insieme": chi dice la parolaccia, cosa dice, come, perchè, dove, a chi...cambia solo uno di questi elementi e cambia l'effetto...Possiamo dire che le parolacce sono come i cappelli, sono d'effetto ma non tutti li sanno portare.
    Ogni tanto le uso, per accorciare i tempi, per arrivare dritta all'obiettivo, per evitare pallidi eufemismi che altrimenti non renderebbero l'idea...
    Impara qualche parolaccia in Uruguay..soprattutto" sticazzi", e poi ci illumini...

    RispondiElimina
  3. La parolaccia e una doppia sottolineatura! Echecazzo!

    RispondiElimina
  4. Guardavamo un programma ambientato negli Usa, e tra una chiacchierata e l'altra è uscito il discorso su come li rafforzano, fin troppo, i concetti con parolacce varie e, secondo me, in questo sono molto simili a noi napoletani che per rafforzare i concetti le usiamo spesso insieme al dialetto.... Anche se per noi non sono né parolacce ne offese... Possono essere il sale di un discorso insipido, superficiale o semplicemente, servono per far fare due risate... Parlo anche per me.... Quando ci vuole, ci vuole... Azz, come stai "bell" col codino! Buon lavoro! ;-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azz che bella risposta! È vero, quando ci vuole, ci vuole. Salutamm! Giulia D'Orsi che è d'accordo con te. 😃

      Elimina
    2. Parolacce e dialetto ci stanno ogni tanto, mica solo per i napoletani mi sembra di esprimermi in modo più efficace.... eh belin ;-)

      Elimina
  5. Rocco, dovresti stare davanti a una ventina di ragazzini di 12 anni, di cui tu sei il professore (nel mio caso di Arte). Allora come per effetto di una rigenerazione mistica, tutte le parolacce e le imprecazioni miracolosamente si trasformano. E così ti scopri a esternare la tua rabbia (resa ancora più bestiale dai denti digrignanti) attraverso parolacce come "eccheccavolo", "marisa cicciona", "mapporcaloca", fino ad un catartico e liberatorio "mavvaialpostotuovai".

    RispondiElimina
  6. Un bel vaffanculo quando serve serve ,rende chiaro il concetto e libera dalla gastrite ...io poi ogni tanto le dico anche in sardo.....ciao Rocco .Teresa

    RispondiElimina
  7. Le parolacce hanno un loro perché nella sintassi... a volte sostituiscono anche sostantivi ed aggettivi che in quel preciso momento non ti vengono in mente... ma vuoi mettere??? Le parolacce poi sono viscerali, istintive... e a tutti quelli che mi ripetono sempre che una ragazza di 40 anni non dovrebbe dire parolacce io rispondo " ecccchecazzo ! " :-) Cecilia

    RispondiElimina
  8. Ho sempre lavorato con persone adulte e in particolar modo con tossicodipendenti, quindi se non hai a volte un linguaggio duro spesso non ti ascoltano : perchè sei una donna, perchè sei alta un metro e due banane come lo sono io. Paradossalmente le parolacce sono aumentate quando ho iniziato a lavorare in ospedale uno scaricatore di porto, parla più delicato di me. Che dire ? Le conosco tutte, sia in Italiano che in dialetto, se le sento non mi scandalizzo. Però non bestemmio: mai. Un sardo e una sarda raramente bestemmian, l'unica cosa che di solito scomodano è l'organo femminile della madreche ha generato il destinatario di questa "benedizione"...Spesso contenersi è un problema e per una donna ancor di più perchè a quanto pare le vere Signore non dicono parolacce. Evidentemente non sono Una signora ;-) Fede Pippy

    RispondiElimina
  9. Certo che uso sempre un linguaggio fine e pulito... E che cazzo!!! Giulia D'Orsi che colorisce il suo linguaggio all'occorrenza.

    RispondiElimina
  10. Eccerto che serve "rafforzare"!! Se poi il rafforzativo esce dalla bocca di chi parla sempre in modo pulito ed elegante... ha valore multiplo...nemmeno doppio!!! Rocco forever

    RispondiElimina
  11. La parolaccia serve come ottimo antistress: un vaffa al giorno toglie il medico di torno!

    RispondiElimina
  12. Quando ci vuole ci vuole! I vaffanculo non si possono trattenere, poi ti viene l'ulcera e allora si che sono cazzi. ....... :-)

    RispondiElimina
  13. Antonella Piccolo27 luglio 2015 15:59

    Beh la parolaccia è come un sospiro a volte... Ci sino quelle che ti escono quasi al posto di un "buongiorno". Vanno represse a volte silo perché ci si trova in un contesto particolare, represse solo con la voce perché il cervello non lo puoi reprimere e quindi l'importante che abbiano una via di fuga e il mondo ti appare di nuovo "bello"... E che cazzo!

    RispondiElimina
  14. Sei un grandeeeeee. Un'unica perla per definiti Lupitaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  15. Lupitaaaaaaaaaa, ma come dici le parolacce

    RispondiElimina
  16. Vaffanculo, scassa minchia, Essicazzi.......antistress...Sto meglio....naturalmente non rivolto a te...sono in Tema??

    RispondiElimina
  17. Prima non le dicevo mai ,ora anche troppo ,ma come servono!!!!

    RispondiElimina
  18. Io abito in toscana e qui c'è l' imbarazzo della scelta con i RAFFORZATIVI ma quando voglio esagerare faccio uscire la mia anima lucana la maggior parte delle volte resto da solo con i miei RAFFORZATIVI non mi capiscono

    RispondiElimina
  19. Nell'inglesismo lavorativo ormai imperante non ci vuoi mettere un bel "sticazzi"!?!?! Irrinunciabile ....

    RispondiElimina
  20. stò imparando da mia figlia che, come dire, in fatto di scioltezza e sintesi è un genio (povera me!!!) però ammetto che dirle, le parolacce, al momento opportuno oltre che rafforzare i concetti è sicuramente molto liberatorio. Buon serata Rocco.

    RispondiElimina
  21. Siete un CONFORTO ESAGERATO. Che bellezza cazzo

    RispondiElimina
  22. Le parolacce servono per rafforzare i concetti....un antistress meraviglioso e pure gratis...certo se poi sono dette con eleganza ancora meglio. Ciao Rocco sei il numero uno!

    RispondiElimina