Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

sabato 13 giugno 2015

Un Sabato italiano

Credo siano passati più di 30 anni dal Sabato italiano di Sergio Caputo.
Che poi è facile capire come una canzone possa sfidare il tempo…Quando più che il momento intercetti il sentimento, quando annusi il costume delle atmosfere, quando dai quell’imprinting musicale che ammalia e accompagna, quando narri la cultura e l’ironia di una terra c’è tutto quello che si ripete di calendario in calendario.
E’ ancora un sabato qualunque, un sabato italiano. No?

(E chapeau, a Sergio Caputo).

14 commenti:

  1. E questo Sabato qualunque è un Sabato Italiano il peggio sembra essere passato...la Notte è un dirigibile che ci porta via....lontanoooo. ;) by Golum Bigbear

    RispondiElimina
  2. Perché l'ironia sembra essere nel nostro dna, nelle nostre membra se pensiamo che siamo da sempre trattati con i soliti stereotipi, con la solita superficialità dall'austerity… meglio scherzare, meglio sognare, meglio pensare al sabato e magari alla donna che è stata più tempo nello spazio che la storia ricordi, italiana! L'italiano, quando vuole, sa anche distinguersi, bisogna sforzarsi un po’ di più perché abbattere uno stereotipo è sicuramente più difficile di tutto il resto. E vabbè…. Se poi parliamo di noi del sud, facciamo notte… il pregiudizio nel pregiudizio, ma alla fine, diciamolo, siamo tutti sulla stessa barca, chi più, chi meno, bisogna solo saper… collaborare! Buon sabato italiano… in crisi allora (da come mi è stato detto…) come oggi ;-))))) per lo meno siamo coerenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Collaborare è un gran bel verbo Daniela!

      Elimina
  3. Il sabato ,la giornata dove le aspettative sono alte ....ti sembra di avere tanto tempo per poter fare cose rimandate vorresti incontrare gli amici ,vorresti dedicarti al tuo hobby,vorresti,vorresti ....in attimo arriva sera .....e ti accorgi che la pizza e'meglio mangiarla a casa ,che il w.e.al mare sara'per un sabato a divenire ....senza data . Quindi buon sabato italiano ...ancora molto in crisi .Teresa

    RispondiElimina
  4. Premetto che adoro Sergio Caputo, devo dire che la sua musica è geniale… questo pezzo , mi ha fatto ricordare, quando con i miei figli piccoli lo ascoltavamo lontano dall'Italia, dove passavamo dei bei sabato, differenti, ma pur sempre vissuti da italiani… altra terra altre abitudini. Oggi è sabato, un sabato italiano e per giunta è il 13 giugno, Auguri Antonio Rocco, Buon Onomastico!
    Grazie per questo bel regalo.

    RispondiElimina
  5. Ragazzi che sabato,questo appena trascorso,come non se ne vedevano da anni...Per una serie di motivi(le attività didattiche finite più tardi,gli esami che iniziano prima e il blocco degli scrutini)dovevamo trascorrere tutto il giorno a scuola ,e intendo proprio tutto dalle 8 alle 24,per chiudere tutti i consigli e terminare con collegio docenti....notturno! Siamo arrivati tutti un po' assonnati,sbuffando,ma poi, via via che aspettavamo il nostro turno di riunione abbiamo avuto modo di incontrare e conoscere meglio colleghi che durante l'anno a stento abbiamo incrociato di sfuggita,e tra un caffè,una sigaretta, una bibita e un caldo infernale,questo strano sabato ha preso una piega diversa e non ci è sembrato più tutto questo grande sacrificio...anzi.Abbiamo S coperto che parecchi di noi avevano pensato di portarsi un vestito da sera per il collegio,e piano piano abbiamo dimenticato

    RispondiElimina
  6. nedy rovarotto14 giugno 2015 15:58

    Allegra, orecchiabile, spensierata, divertente; quasi un inno alla gioia. E rimane nel tempo perché questo sabato qualunque ci accomuna tutti nell'abbandonare il solito tran tran e uscire con gli amici a condividere speranze e allegria.

    RispondiElimina
  7. Sabato italiano-parteII-...abbiamo dimenticato casa, figli,weekend mancato(magari sarebbe stato più noioso),caldo e fatica e alla fine assomigliavamo più a ragazzi in occupazione che a docenti alle prese con gli adempimenti di fine anno..Decisamente non è stato un sabato qualunque:abbiamo respirato un entusiasmo che credevano perduto che ci ha permesso di rispettare tempi serratissimi.Noi abbiamo risposto così a tutte le polemiche di quest'ultimo periodo, non so se è la risposta giusta , ma credo che scoprire che in fondo questo lavoro si ama è un buon punto di partenza....Mi scuso per aver perso la seconda parte del commento,ma ancora non ho una buona intesa con l'I Pad , senza contare la stanchezza...Grazie per aver postato la prima parte,grazie per la perla,anche se ribadisco che il merito è dei miei colleghi di lingua straniera,in ogni caso sono a due:un paio di orecchini li ho rimediati, forse in una decina di anni completo una parure :)) Buon inizio settimana AmeliaPaola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. risposta migliore credo non ce ne potesse essere AmeliaPaola. Se non amate voi il vostro lavoro siamo tutti nei guai. E pure grossi.

      Buon tutto a te

      Elimina
  8. Quanto lo vorrei sto qualunque sabato italiano. I miei sabati sono fatti di corse frenetiche, di salti caramboleschi, di bocconi che mi strozzano mentre cerco di incastrare il da fare coi tempi, e sere di stanchezza.
    Invoco e aspetto i lunedì.
    Baci
    Nicla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nicla praticamente io (come Caputo) non è che di sabato o domenica o di sera non lavoriamo...anzi. Però la canzone è la canzone! un cult ;)

      Elimina
    2. Ma si, lo so. In moltissimi lavorano a ciclo continuo, e so anche che la canzone è un cult, e continuiamo a cantarla. Ho solo descritto il mio sabato.

      Elimina