Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

venerdì 3 ottobre 2014

Il tempo dello scambio

Che una volta c’era il tempo delle mele poi si è capito che era meglio quello delle idee…
Ma si è capito davvero? Insomma scambiarsi le idee, falle circolare, confrontarle, mischiarle non è solo esercizio di ‘tolleranza’ ma di utilità, di vivacità, di arricchimento.
Non guasta, mai. Lo scambio, intendo. Che la mela, quella si, può marcire e fotterci. Si tratta dunque di non arrendersi: non facciamocelo bruciare, il tempo delle idee.

14 commenti:

  1. Tempo di mordi e fuggi, non solo delle mele.
    Se davvero fosse il tempo delle idee il mondo sarebbe in viaggio verso un miglioramento generale.
    Eppure occorre con forza continuare a parlare e ascoltare. A scambiarsi idee, dolori, e anche – con le persone giuste – quello che nascondiamo in fondo al cuore.
    Perché ogni esperienza in questo modo non è vana, non è fine a se stessa, ma può essere utilizzata, rivisitata, riutilizzata, rinnovata. Scambiarsi le idee è il modo più naturale per arricchirsi, e anche il più semplice e il meno costoso. La mia esperienza sul lavoro travasata al collega appena assunto può essergli utile per fare meno fatica sul pregresso e avere più tempo per guardare al futuro.
    Ma quanta umiltà ci vuole per accogliere veramente il pensiero degli altri senza giudizi e pregiudizi, tendendo solo all’arricchimento personale, anche quando l’idea di un altro può non piacere.
    Non è sempre facile, a volte trattiamo gli altri con sufficienza o superficialità, ma hai ragione Rocco: non facciamocelo rubare, il tempo delle idee :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari non è sempre facile ma lo scambio è bello, oltre ch utile...
      E non dobbiamo farci rubare il tempo delle idee. O tenerci le mele marce...

      Elimina
    2. A volte non è proprio possibile liberarsi dalle mele marce. O meglio, non è possibile farlo laddove esiste un rapporto di subordinazione, come sul lavoro. Tempi duri anche per le buone idee e ti ritrovi a dover seguire idee che hanno molto l'aspetto delle mele marce.
      Qui a Genova esisteva una particolare tradizione marinara: pagami meno, ma lasciami mugugnare ...
      E questo devo dire che mi calza a pennello: le mie intuizioni, nello scambio di cui parliamo, hanno fatto la carriera di alcuni non sempre necessariamente perchè hanno spacciato per proprie le mie idee (anche!), ma semplicemente perchè erano in una posizioni di potere.
      Io non ho fatto carriera, non in senso verticale almeno (godo, nel mio piccolo, della stima di tanti colleghi e professionisti di tutta Italia) ma certamente ho scambiato, dopo i furti, anche le altre "idee", anche a costo di eventuali pesanti sanzioni :)
      E sicuramente non ho convissuto e non convivo con mele marce, dentro e fuori di me!
      E ora parto, e vado a conoscere un pronipotino, Lorenzo; figlio di miei nipoti che ti seguono e ti apprezzano molto (hanno anche fatto una foto con te a Milano mentre era ancora in viaggio!) :)
      Buona vita, Rocco. Che ne abbiamo una sola e almeno cerchiamo di vivercela con dignità ;)

      Elimina
    3. grazie della bellissima energia Ilde...leggendo mi è arrivata..una folata di bellezza fiducia..benessere ! <3

      Elimina
    4. Fioreeeeee ... un abbraccio!!!!

      Elimina
    5. Ilde e Fiorenza...grazie, il vostro scambio qui è già il senso di tutto!

      Elimina
  2. ma...questo è il mio pensiero!...bellissimo!!!!... è bello..sapere che non sono sola...a credere che NOI siamo in grado attraverso la nostra energia..a creare anche un mondo nuovo ..che con le idee abbiamo costruito ciò che abbiamo...un abbraccio Rocco :)

    RispondiElimina
  3. Vera Calabretta4 ottobre 2014 01:04

    Bello spunto la condivisione. Sai quello che dai, ma la riuscita del baratto non è garantita. Il segreto è sì non farsi fottere... Tirar fuori la mela per primi che la più grossa fregatura è ritrovarsi la mela marcia, ché siamo materia che prende forma e vita solo nello scambio. La condivisione non ha tatticismi, a volte si perde e a volte si guadagna...E a volte perdendo si vince... E mentre scrivo (perdendo si vince) mi viene in mente una canzone davvero speciale ;) Credo che richieda un po' di esercizio la condivisione ché il primo passo è sempre il più difficile e la fiducia è una conquista preziosa.

    RispondiElimina
  4. Si, Vera, anche perdendo si può vincere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. voglio aggiungere cara Vera..che il dare..a volte è già uno scambio...con la vita..e non si perde nulla..mai...se sei disposto a lasciare andare... smak!!...grazie per la possibilità di esprimermi!.. ciao Vera, dolcezza con retrogusto..amarognolo ..ciao Rocco amico splendido!

      Elimina
    2. Giusto,l'importante avere sempre buona intenzione,sia nello scambio che nella vita,non e' sempre facile con la societa' che hanno prodotto i big,i progressisti,ma conoscendo il nostro passato possiamo imparare a scambiarci idee e anche qualche mela,buon proseguimento a tutti!!

      Elimina
  5. L'occidente esalta la mente con il suo pensare ed il suo produrre idee, concetti, presi dalla voglia di capire, spiegare, giustificare. Siamo troppo cerebrali. C'è la dittatura della mente. Ricordo di aver letto che "i saggi non hanno idee" perchè accettano la realtà per quella che è, con libertà - Pasquale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti Pasquale...lo scambio sta a pennello nella semplicità. Una parola, una nota, un momento, una sensazione.

      Elimina