Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

martedì 22 marzo 2016

Indulgenza

E spezziamola questa lancia di affetto e comprensione per chi cade, sbaglia, perde! Ecco il risvolto positivo, l’efficacia dell’opportunità, il rimedio.
Che c’è così tanta umanità nell’errore che non si può che sbandierare la speranza e la forza della lezione. Tutto sommato è proprio vero: sbagliando si impara.

Adesso non è che ci mettiamo tutti a fare cazzate tanto Edison ci assicura che ne usciamo con insegnamenti immensi però cerchiamo di praticare una giusta dose di indulgenza verso gli altri e verso noi stessi…

4 commenti:

  1. nedy rovarotto23 marzo 2016 20:28

    Anche se sono rimasta un tappo devo ammettere che sbagliando si cresce, si sbaglia quando si impara a scrivere e a far di conto, si sbaglia un sacco di volte prima di acquisire qualsivoglia abilità, si sbaglia nei rapporti umani prima di capire che esistono teste tonde e teste quadre, prima di capire la profondità e l'importanza di una relazione, prima di imparare a non deludere e a difendersi dalle delusioni.
    E poi si continua a vivere, a sbagliare ancora, a crescere... perché sappiamo che non siamo perfetti...

    RispondiElimina
  2. A volte sbagli per paura, o per troppo amore, o perchè dentro 'senti' che è giusto 'fare'. Poi, magari, ti rendi conto, capisci, ti dici che non lo farai più. Ma.. io mi chiedo: e se il tuo sbaglio aiutasse a far nascere un sorriso o una speranza? Beh... lo rifarei, mille e mille volte.
    O.T.: Grazie Rocco per ieri sera a Vigevano.

    RispondiElimina