Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

lunedì 13 luglio 2015

Oziare

Siamo poi così sicuri che oziare significhi astenersi da qualsiasi attività utile? Osservare e pensare sono forse inutili?
Speriamo che questa cosa di essere perennemente affaccendati non ci distolga proprio da due verbi così intelligenti, intensi e sensuali.
Che poi il ritmo è dato anche dalle pause. Non so come potrebbero risaltare i suoni, i movimenti, le immagini se non ci fosse alternanza…e se non potessimo stare fermi a goderne. E le idee, non vengono spesso proprio quando abbiamo il tempo di coglierle, ascoltarle, elaborarle?
Cazzo, pare che ho scritto l’elogio dell’ozio. E un po’ mi piace pure.

Con moderazione…

14 commenti:

  1. Buongiorno Rocco,

    Il tuo elogio all'ozio è più che ben esposto, anche se la parola ozio, indica non far niente, però è anche vero che, forse, potrebbe indicare stare bene, certo non abusarne poiché in tutto l'eccesso è dannoso. Ma rivenendo all'ozio come pausa sì, si ha bisogno di tanto in tanto di staccare la presa per poi ricaricarsi... le pause, condivido, servono a dare ritmo, eccome, alla musica, ma anche alla vita. Comunque oziare è un verbo che non è del tutto pieno del suo significato, poiché anche oziando c'è una parte di noi che continua a lavorare ed è la parte più importante: "il cervello" che è la fucina di ogni nostra azione o pensiero. Chissà perché quando diciamo, ozio, si profila l'idea del far niente, e quando diciamo, pausa, si pensa ad un meritato momento di relax, la si tollera e sovente la si consiglia, senza però che la cosa scandalizzi come la parola ozio? Mah! Le parole come le persone hanno un colore?

    Ciao Rocco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si tutti ad affrettarsi a dire che non oziano mai, che sono iperattivi, zelanti, laboriosi.........mah ;) quasi a vergognarsi, della sanissima e creativa pausa!

      Elimina
  2. Meglio ancora sarebbe oziare senza pensare...buina giornata

    RispondiElimina
  3. Rocco,
    Mi permetto di aggiungere un terzo "verbo" ... Osservare, bere birra e pensare !!! Senti come diventa più intenso, rinfrescante e sensuale!!! Ciao caro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E facciamocela, questa birra.
      Ciao Fabio

      Elimina
  4. L'ozio non è mai completo,può essere fisico,ma non può cancellare pensieri e preoccupazioni(magari potesse!),salvo accompagnarlo da una buona dose di X...ax o preparati galenici simili.Certo può aiutare a dribblarli un pò pensieri ,o a riflettere e prepararti all'azione,come afferma qualcuno," che non ozia mai, ma pensa" ma forse ci marcia (come smentire?).E fin qui concordo in pieno con la sig.Anna Giordano.Credo che alla fine l'importante sia rientrare con i tempi, come certi gatti che oziano fino a 16 ore al giorno e poi recuperano tutto il tempo "perso"con uno scatto felino:ozio propedeutico all'azione repentina.Ma ozio è una parola dal significato mutevole in base alla latitudine,e qui a Napoli si sintetizza così:"Cu stu sole cucente,chi vò fa niente,chi pò fa niente...cu ta luna lucente, chi vò fa niente,chi pò fa niente....."E ben si adattano i noti versi a questa torrida estate......AmeliaPaola,in modalità gatto

    RispondiElimina
  5. nedy rovarotto13 luglio 2015 14:45

    Già solo a guardare Homer Simpson in panciolle mi adagio in quella molle sensazione di abbandono, di relax, di distacco dalla quotidianità e dalle sue appendici. La giusta dose di ozio è necessaria, è quella pausa che permette di ricaricarti per poter ricominciare senza andare in tilt.
    Mi sto chiedendo perchè hai associato i verbi "osservare" e "pensare" alla sensualità...Rocco...non trovo la risposta e sono costretta a farti una domanda:" Ma tu, quando ozi, cosa guardi? e soprattutto a cosa pensi?C'è 7un nesso tra quello che guardi e quello che pensi?": Se il passaggio a livello non custodito e la bagna cauda non c'entrano assolutamente niente forse forse ho capito e allora ricorda il vecchio adagio:l'ozio è il padre dei vizi!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tante vibrazioni della vista e dei pensieri sono sensuali, no?!
      ;)

      Elimina
  6. Ciao Rocco, si, oziare porta consiglio esattamente come la notte. Sai, io, da quando sono mamma, soffro un po’ d'insonnia; la notte, mi piace oziare come intendi tu. Mi piace pensare, ascoltare musica (con le cuffie), scrivere ecc. ecc. poi, verso le 5 mi riaddormento per risvegliarmi un paio d'ore dopo. Pensandoci, anche questa mia pecca fisiologica l'ho trasformata in qualcosa di costruttivo e sano per la mente. Oziare, deve essere qualcosa di buono e sano per noi e per il nostro essere. Le migliori idee vengono lontano dalla frenesia di tutti i giorni. Il mio ozio è la notte o stare seduti sulla sabbia a guardare il mare (al tramonto o sempre di notte) quando posso o in vacanza! Bellissimo! Buon tutto! Ma, poi, tu, riesci ad oziare con tutti gli impegni che hai…….???? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esiste una sottile arte dell'ozio che si può praticare ovunque e comunque Daniela...sssst, è un segreto.

      Elimina
    2. ok ssssst! p.s. vi mando un bacio a te ed Alessandro! vi adoro! *-*

      Elimina
  7. P.s.Mi pare doveroso ricordare che i versi citati sono tratti(liberamente,soprattutto per la scrittura!)dalla canzone Està(nun voglio fà niente)di Bovio-Valente,e descrive bene l'ozio proprio perchè dietro il non agire si cela il molto pensare....e aggiungerei che il nostro blogger la interpreterebbe magnificamente...AmeliaPaola,sempre più in modalità gatto.in questa canicola

    RispondiElimina
  8. Non mi sembra un uomo libero quello che non ozia di tanto in tanto.
    (Cicerone)

    RispondiElimina