Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

lunedì 27 gennaio 2014

Cari amici lettori e cara foca,

Incautamente a dicembre mi sono lasciato andare a scrivere un pezzo qui, dove promettevo una canzone a tutti gli amici della foca.
Lei si è fatta gelosa, molto gelosa.
Io lo facevo per te, foca. Erano amici tuoi tutti quelli che mi scrivevano perché volevano pure loro una canzone! Io pensavo che accontentandoli saresti stata felice e fiera di me. Alla fine saresti tornata…
Cari amici lettori metteteci una buona parola, mi fa tremende scenate e minaccia di non tornare più.

Foca…ritorna a casa. La canto solo per te!

10 commenti:

  1. francesca santillo27 gennaio 2014 16:18

    stupenda......e bellissima....... spero un giorno di incontrarti e dirtelo di persona quanto sei bravoooo......baci

    RispondiElimina
  2. sei un mito......sempre forte e irriverente...viva la foca.......ah dimenticavo....non un bacio ma un forte abbraccio....
    francesco

    RispondiElimina
  3. E' una bella canzone ed un bel pensiero. Spero che tornerai al film festival, Open Roads con il tuo nuovo film. Vorrei vederti di nuovo..forse faremo un'altra intervista..:-) Baci da New York!
    P.S. Abbiamo parlato durante Open Roads, 2010 quando hai mostrato il tuo bellissimo film, "Basilicata Coast to Coast." Ero la tua paesana-New Yorkese..;-)
    http://www.franoi.com/index.php?page=roccopapaleo

    RispondiElimina
  4. Jeannine?
    ...grazie, cara! Baci coast to coast è il caso di dire.

    RispondiElimina
  5. Si, Sono Jeannine..:-) I miei cugini a Rionero in Vulture erano molto felici dopo avere visto le nostre foto. Non vedo l'ora incontrarti di nuovo!

    RispondiElimina
  6. e pensare che hai scritto questo brano quando eri ventenne..! già una premessa della tua geniale ironia... è sempre bello uscire dagli schemi e lasciare il teatro ogni volta, buttarsi imbarazzo e timidezza alle spalle e fare le foche con te e la band, è davvero un bel modo di mettere il mondo fra parentesi, anzi di ballarci sopra per esorcizzare paure e preoccupazioni. Quando a Sanremo hai fatto ballare quella platea parecchio "huppée", quei dirigenti forse sin troppo vanitosi, è stato un gran momento, hai ridimensionato le cose e dato loro una bella lezioni di leggerezza. Hai fatto capire quanto inutile sia prendersi troppo sul serio, mettere barriere fra se stessi e gli altri, soprattutto di questi tempi. Sono stata fierissima di te (per quel poco che vale) per quel gran momento di genuinità, davvero. Grazie.
    A me questa canzone mette di buon umore e spesso la canticchio e tutti qui nella fredda Svizzera mi prendono sicuramente per una pazza. ahaha! se mi capita di incrociare la foca "tuftufando" la convincerò a tornare immediatamente da te, se fossi in lei lo avrei già fatto! ^^

    RispondiElimina
  7. Grazie, mettici una buona parola Rose!!!!!!!!!!!!!!!
    Secondo me si sono divertiti tutti al Festival di Sanremo. Come capita a teatro. Bisogna sciogliersi ;)
    Tuf tutuf

    RispondiElimina