Non è un fan club, è SOLO il mio blog ufficiale.
Il vantaggio è che non devo contare il numero degli aderenti,
lo svantaggio è che io non ho scelta, devo aderire.

sabato 7 dicembre 2013

Giorgio Gaber: Destra-Sinistra

Ho avuto l’onore e il piacere di presentare per due anni il Festival Gaber.
Non ripeto qui la mia venerazione per il signor G, lo straordinario artista Giorgio Gaber. Per me è stato e resterà un modello espressivo, il mio riferimento e questo è già noto.
Lo ricordo e rivivo l’emozione di quel palco, con la foto di un grande momento e con il titolo di una sua canzone della quale certamente abbiamo tutti in testa note e parole. Una canzone nella quale mi sono cimentato anch’io duettando con il caro Leonardo Pieraccioni.

Forse non sarà l’unica volta, sto prendendo confidenza con il blog e allora ci parlo dentro, più che scriverci, come se fossi sul divano di casa, al bar o in piazza con gli amici, insomma con voi.

2 commenti:

  1. Quante emozioni in quelle due edizioni del festival Gaber... da anni volevo andarci perché amo il Signor G. ed i suoi versi mi hanno accompagnata tutta la vita, mi rammarica il fatto di non aver mai potuto vederlo dal vivo. Quando ho saputo che avresti condotto tu il festival, non c'è stata esitazione: Rocco Papaleo + Gaber = dovevo esserci! Peccato che da quest'anno quel bel omaggio non ci sarà più, era davvero bello vedere la filosofia gaberiana (sì perchè Gaber insegna a vivere con una seria leggerezza) rivisitata da artisti di orizzonti diversi. Ricordo con particolare emozione due esibizioni: ovviamente la tua versione di "destra-sinistra" perchè si vedeva la tua gioia e l'adrenalina che ti animava mentre interpretavi quel brano geniale e tuttora attualissimo. Poi il duetto con Alemanno su "mi fa male il mondo". Se ripenso al suo monologo, l'omaggio a Dalla e la vostra complicità alla fine del brano, mi viene ancora la pelle d'oca. Insomma, un vero < aver assistito a quest'inno alla cultura, al teatro-canzone, al indimenticabile ed indemodabile G. <3

    RispondiElimina
  2. Unico, indimenticabile signor G...

    RispondiElimina